wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

Regioni

Descrizioni dettagliate di tutte le denominazioni d'Europa con vitigni, tradizioni e disciplinari di produzione.

Descrizione di Languedoc

La parte settentrionale della regione di Languedoc-Roussillon, nel profondo sud della Francia, sulla costa mediterranea. Comprende, da nord a sud-ovest, i tre dipartimenti di Gard, Hérault e Aude. Il Roussillon, molto più piccolo, nel dipartimento dei Pyrénées-Orientales, si collega a ovest e le regioni vinicole della Provenza e del Rodano a est. Il nome deriva da "langue d'oc", che significa "lingua d'oc" (oc = sì). Questa lingua occitana era parlata nel Medioevo a sud della Loira; a nord si parlava la "langue d'oil" ("oil" si è trasformato in "oui"). Le regioni di Languedoc-Roussillon e Midi-Pyrénées sono state fuse nel 2016 per formare la nuova regione politica dell'Occitanie. Molto prima del ben più famoso Champagne, qui si produceva un vino spumante, l'attuale Blanquette de Limoux. Una forma particolare di vin de liqueur dolce e ad alta gradazione alcolica della Linguadoca è il Cartagène. Fino agli anni '80, la Linguadoca aveva la reputazione di essere una regione vinicola che produceva principalmente vino di massa a basso costo. Dall'inizio degli anni '90 sono stati avviati programmi di estirpazione sponsorizzati dall'UE. Questo ha portato a una fortissima riduzione dei vigneti in soli 10 anni.

Vigneti

I vigneti coprono un totale di oltre 200.000 ettari di vigne. Si estendono per oltre 200 chilometri, per lo più in prossimità della costa del Mediterraneo, da Nimes con la denominazione Costières de Nîmes, che appartiene alla regione del Rodano in termini di legislazione vinicola, a est fino a Narbonne con Limoux e Corbières a ovest. La maggior parte di essa si trova su terreni alluvionali a bassa quota, ed è anche il luogo in cui è avvenuta la maggior parte delle operazioni di disboscamento. I vigneti ai piedi dei Pirenei occidentali, alti poche centinaia di metri, si trovano su pendii di ardesia e calcare. Come nella zona del Roussillon, il clima è mediterraneo con estati secche e calde. La divisione dei vigneti in base ai livelli di qualità:

AREA

TOTALE

AOP

IGP

VINO

Linguadoca 201.400 54.500 134.300 12.600
Rossiglione 22.600 15.300 6.500 800
Linguadoca-Rossiglione 224.000 69.800 140.800 13.400

Varietà d'uva

Le varietà di vino rosso più importanti sono Grenache Noir (Garnacha Tinta), Mourvèdre (Monastrell) e Syrah; le varietà secondarie sono Cabernet Sauvignon, Carignan Noir (Mazuelo), Cinsaut, Counoise, Llladoner Pelut (Garnacha Peluda), Morrastel (Graciano), Piquepoul Noir e Terret Noir. Le varietà di vino bianco più importanti sono Bourboulenc, Clairette e Grenache Blanc (Garnacha Blanca); le varietà secondarie sono Carignan Blanc, Chardonnay, Grenache Gris (Garnacha Roja), Macabéo, Marsanne, Piquepoul Blanc, Rolle (Vermentino), Roussanne, Terret Blanc, Viognier e Ugni Blanc (Trebbiano Toscano). Per i vini rossi è comune il metodo della macération carbonique (macerazione carbonica). La Linguadoca è il principale fornitore di vino semplice della Francia e produce l'80% dei vini IGP (vini di campagna). La fama di questi vini è stata stabilita, tra gli altri, da Mas de Daumas-Gassac.

Piramide della qualità

Una nuova classificazione dei vini della regione è stata elaborata dal CIVL (Comité Interprofessionnel des Vins du Languedoc), entrata in vigore nel 2011. La gerarchia piramidale in ordine crescente è Languedoc, Grands Vins du Languedoc e Crus du Languedoc. La base per la classificazione è costituita da criteri qualitativi ed economici (tra l'altro, sono prescritti determinati canali di distribuzione e prezzi minimi di vendita). Per essere classificato nella categoria superiore 2 o 3, un vino deve soddisfare determinate caratteristiche e superare un esame superiore alla semplice AOC Languedoc. Questo per rafforzare le piccole denominazioni nella loro enfasi sul terroir.

AOC Linguadoca

L'AOC Languedoc di primo livello è stata creata nel 2007, in sostituzione della precedente AOC Coteaux du Languedoc (la vecchia denominazione poteva ancora essere utilizzata fino al 2017). Tuttavia, la nuova AOC copre la maggior parte della doppia regione di Languedoc-Roussillon. In particolare, ci sono 195 comuni nel Dipartimento dell'Aude, 19 comuni nel Dipartimento del Gard, 160 comuni nel Dipartimento dell'Hérault e 122 comuni nel Dipartimento dei Pyrénées-Orientales.

I vigneti coprono circa 10.000 ettari, da cui proviene circa il 20% della produzione. I vini rossi e rosati sono assemblati con Grenache Noir, Mourvèdre e Syrah (massimo 50%), oltre a Llladoner Pelut, Carignan Noir, Cinsaut, Counoise, Grenache Gris, Terret Noir e Piquepoul Noir (massimo 50%). I vini bianchi sono prodotti con Bourboulenc, Clairette, Grenache Blanc, Piquepoul Blanc, Roussanne, Marsanne e Rolle (max. 70%), oltre a Carignan Blanc, Macabéo, Terret Blanc, Viognier e Ugni Blanc (max. 30%). Le rese massime consentite sono di 50 hl/ha per i vini rossi e rosati e di 60 hl/ha per i vini bianchi.

Grandi vini della Linguadoca

Il secondo livello, Grands Vins du Languedoc, rappresenta circa il 70% della produzione di vino. Queste includono (ad eccezione ovviamente della AOC Languedoc) la maggior parte delle denominazioni elencate di seguito. Si tratta di crescite strutturate e aromatiche tipiche del loro terroir. Le norme relative agli assemblaggi di varietà di uve sono individuali e sono elencate per ogni denominazione. La resa massima consentita è di 48-50 hl/ha.

Crus du Languedoc

Al vertice della piramide si trovano i Crus du Languedoc, con circa il 10% della produzione. Questi vini espressivi hanno "un valore di rarità e portano la firma del produttore". I vini bianchi devono essere invecchiati per almeno sei mesi, quelli rossi per almeno dodici mesi. Il test sensoriale è obbligatorio. Almeno il 70% della produzione deve essere venduto direttamente dalla cantina. Le rese massime sono di 45 hl/ha per i vini rossi e 50 hl/ha per i vini bianchi.

Denominazioni (AOC) e zone IGP

Le zone o denominazioni AOC (vini di qualità) e IGP (vini di campagna) della regione Languedoc sono:

Karte von Languedoc-Roussillon mit allen Appellationen

Produttori

I produttori più noti sono il Domaine L'Aigueliere, il Domaine des Deux Platanes, il Mas d'Andrum, il Domaine d'Aupilhac, il Domaine Bassac, lo Château Belot, il Domaine Bourdic, il Mas Bruguière, il CV de Cabrières, il Domaine le Cazal, il Domaine de Cazeneuve, il Domaine de la Coste, lo Château de l'Engarran, il Mas de Daumas-Gassac, il Mas d'Espanet, lo Château de Flaugergues, Domaine de la Grangette, Domaine Guiraud-Boyer, Domaine de Laballe, Château de Lascaux, Château Notre Dame, Domaine Peyre Rose, Château Peyriac de Mer, Château Puech-Haut, Domaine Pujol, Domaine du Rocher des Fées, Château de Roquenégade, Domaine de la Roque, Domaine de Sainte Rose, CV de St-Saturnin, Les Trois Blasons, Domaine du Temple e Maison Maurel Vedeau.

Mappa: Da DalGobboM¿!i? - Lavoro proprio, GFDL, Collegamento

In questa sezione trovi
attualmente 157,108 Vini e 24,522 produttori, di cui 2,597 produttori classificati.
Sistema di valutazione Find+Buy Campioni per la degustazione Palinsesto editoriale

Eventi nelle tue vicinanze