wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

Regioni

Descrizioni dettagliate di tutte le denominazioni d'Europa con vitigni, tradizioni e disciplinari di produzione.

Descrizione di Austria

In Austria, la viticoltura è stata praticata fin dall'epoca dell'insediamento dei Celti quasi 3.000 anni fa. Il comune del Burgenland di Zagersdorf e il comune della Bassa Austria di Stillfried nel Weinviertel sono considerati i più antichi comuni vinicoli dell'Austria. In entrambi i luoghi, sono stati trovati semi d'uva che risalgono rispettivamente al 700 e al 900 a.C. e possono essere chiaramente assegnati alla specie Vitis vinifera. La revoca del divieto di piantare viti fuori dall'Italia da parte dell'imperatore Domiziano (51-96) da parte dell'imperatore Probo (232-282) ebbe un effetto positivo sulla viticoltura. Questo fu l'inizio di una viticoltura ordinata nelle province romane del Norico (Alta e Bassa Austria) e della Pannonia (Burgenland). Durante i quasi 200 anni di disordini della migrazione dei popoli a partire dalla fine del IV secolo, la viticoltura si è quasi arrestata a causa di molte devastazioni.

Österreich - topographische Landkarte

Una rinascita della viticoltura diffusa non ebbe luogo di nuovo fino al IX secolo sotto la grande influenza dell'imperatore Carlo Magno (742-814). Gli ordini cattolici benedettini e cistercensi erano particolarmente importanti per la viticoltura. Nel Medioevo, i monasteri dell'Abbazia di Göttweig (Kremstal), KlosterneuburgAbbazia (Wagram), Abbazia di Melk (Wachau) e Abbazia di Heiligenkreuz (Thermenregion) erano i principali pilastri della viticoltura. Anche l'ormai abbandonato Dinstlgut (Wachau, Bassa Austria) ha dato un importante contributo. Il più antico regolamento austriaco sulla viticoltura, con regole sull'orario di lavoro e pene fisse per i furti d'uva, fu emanato dal duca asburgico Albrecht II. (Già nel Medioevo c'era anche una divisione in classi di qualità del vino.

Nel XVI secolo, la viticoltura in Austria ha raggiunto il suo apice; la superficie coltivata a vite era almeno tre volte più grande di oggi, intorno ai 150.000 o forse anche 200.000 ettari. Il Mönchsberg di Salisburgo è stato piantato con la vite, così come i pendii del Semmering. C'erano vigneti vicino a Linz (Alta Austria), vicino a Salisburgo e su larga scala in Carinzia e Tirolo. E la capitale Wien è letteralmente costruita sui vigneti. Il libro del vino del sacerdote Johann Rasch (1540-1612) descrive in dettaglio la viticoltura, le tecniche di cantina e la cultura del bere dell' epoca. Tuttavia, l'aumento della birra, gli alti oneri fiscali e la guerra dei trent'anni (1618-1648) portarono ad un declino nel XVII secolo. Il problema principale era la tassa, conosciuta anche come Ungeld, che fu portata dal 10% al 30% in soli dodici anni. Questo ha portato all'estirpazione di molti vigneti e alla coltivazione di grano o di altri prodotti. Ora si preferivano vitigni inferiori e da essi si produceva vino di massa a buon mercato.

Sotto Maria Teresa (1717-1780) furono emessi ordini per lo sfruttamento del vino a buon mercato. Furono fondate molte distillerie di aceto, distillerie di grappa e produzione di senape dal mosto d'uva. Sotto l'imperatore Giuseppe II. (1741-1790), il 17 agosto 1784 fu emesso un decreto scritto che permetteva la vendita della propria fechsung anche nella propria casa. Ha così posto la prima pietra dell'Heuriger. Il XIX secolo ha visto una serie di catastrofi. Un'ondata di freddo estremo, malattie fungine introdotte dall'America e, come elemento negativo, la fillossera hanno devastato intere regioni viticole. Il parassita arrivò probabilmente in Austria nel 1867, quando August-Wilhelm Freiherr von Babo (1827-1894), direttore del Klosterneuburger Weinbauinstitut fondato nel 1860, ricevette viti americane dalla Germania.

Una pietra miliare nella storia del vino austriaco è stata posta da Robert Schlumberger (1814-1879). Nel 1846 introdusse il suo "Vöslauer white sparkling wine" prodotto secondo il méthode champenoise, che divenne un grande successo. Dopo la seconda guerra mondiale, le vecchie strutture sono state cambiate attraverso la razionalizzazione e la meccanizzazione. La conversione al nuovo forma di allevamento della cosiddetta cultura alta di Lenz Moser III. (1905-1978) a Rohrendorf, vicino a Krems, nella Bassa Austria, ha reso possibile l'uso delle attrezzature più moderne. L'uso del glicole dietilenico ha causato uno scandalo vinicolo nel 1985. Tuttavia, questo ha portato all'introduzione di leggi più severe e soprattutto di controlli in Austria, che hanno contribuito in modo decisivo al miglioramento della qualità. Nel 1993, il progetto di certificazione dei vitigni è stato lanciato con l'obiettivo di migliorare la qualità a lungo termine analizzando e selezionando i vitigni più sani possibili.

Clima e suoli

L'Austria è caratterizzata da un clima pannonico continentale. Ci sono inverni freddi ed estati calde e secche con un lungo ciclo di vegetazione. Giornate estive calde e soleggiate con notti spesso fresche e giornate autunnali miti sono tipiche della maggior parte delle zone vinicole. Le precipitazioni annuali sono in media di 400 mm nell'est, in Stiria possono anche essere di 800 mm o più. Il Danubio e i suoi due affluenti Krems e Kamp e il lago Neusiedl nel Burgenland hanno un'influenza positiva sul clima. Sulle rive del secondo lago steppico più grande d'Europa, le uve dei livelli predicati Ausbruch, Beerenauslese e Trockenbeerenauslese (o Ausbruch) maturano spesso nel tardo autunno. A causa delle temperature spesso molto basse da dicembre a gennaio, una notevole produzione di vino di ghiaccio è possibile anche nell'est.

L'altitudine della maggior parte dei vigneti è per lo più di circa 200 m, nella Bassa Austria fino a 400 m, i vigneti più alti sono in Stiria fino a 560 m sul livello del mare. Le zone viticole sono per lo più situate in climi temperati senza grandi estremi, più o meno sul 47° e 48° parallelo; più o meno paragonabili alla Borgogna francese. I tipi di suolo sono abbastanza diversi. Nella Bassa Austria, il loess predomina nel Weinviertel e nella valle del Danubio, la roccia primaria nella valle di Krems e nella Wachau, e il calcare in Thermenregion. Nel Burgenland i suoli consistono principalmente di ardesia, argilla, marna, loess e sabbia, e in Stiria di terra marrone e suoli vulcanici.

Österreich - generische Weinbaugebiete

Regioni vinicole

L'Austria è divisa in tre regioni vinicole (fino al 2009 erano quattro con Wien ). Queste sono Weinland (con le generiche regioni vinicole Burgenland, Bassa Austria e Wien), Steirerland (Stiria) e Bergland (restanti province federali). Tutte le nove province federali sono regioni vinicole generiche, le quattro più grandi sono divise in regioni vinicole specifiche (per esempio WG Wachau specifico nel WG generico Bassa Austria). Tutte le regioni viticole si trovano nella zona viticola europea B (la Germania in gran parte in A). A partire dall'annata 2002, è stato introdotto il sistema DAC specifico per l'origine. I seguenti valori di ettari sono di anni diversi (dal 2015 al 2017), ma i numeri delle aziende sono tutti del 2015:

REGIONE VINICOLA
Regione vinicola
OPERAZIONI
2015
HECTARE
2015-2017
HEKTAR
2009
TOTAL-AUSTRIA 14.133 46.515 45.908
PAESE DEL VINO (Burgenland, Bassa Austria, Wien) 11.874 41.104 41.582
Burgenland 3.229 13.100 13.842
Eisenberg DAC (ex Südburgenland) 708 515 499
Leithaberg DAC (ex Neusiedlersee-Hügelland) 924 3.097 3.576
Mittelburgenland DAC 358 2.104 2.118
Lago di Neusiedl DAC 1.339 6.675 7.649
Rosalia DAC 515 450
Bassa Austria 8.269 28.145 27.128
Carnuntum DAC 282 906 910
Kamptal DAC 823 3.907 3.802
Kremstal DAC 747 2.368 2.243
Thermenregion 693 2.182 2.196
Traisental DAC 451 815 789
Wachau DAC / Vinea Wachau Nobilis Districtus 502 1.344 1.350
Wagram (ex Donauland) 926 2.720 2.452
Weinviertel DAC 3.791 13.858 13.356
senza regione viticola 54 45 -
Wien DAC 276 637 594
STEIRERLAND (Stiria) 2.085 4.633 4.242
Sud Stiria DAC 623 2.563 2.340
Vulkanland Steiermark DAC (ex Südoststeiermark) 1.199 1.524 1.401
Stiria occidentale DAC 261 546 501
senza regione vinicola 2 0,3 -
BERGLAND (resto dell'Austria)
Carinzia, Alta Austria, Salisburgo, Tirolo, Vorarlberg
174 140 80

Österreich - spezifische Weinbaugebiete

Aziende vinicole e volumi di produzione

Le cifre si riferiscono alle indagini del 2017 (BKI e ÖWM) rispetto al 2009. Il numero di aziende agricole è estremamente diminuito da 45.380 con una dimensione media di 1,28 ettari (1987) a 20.181 con 2,26 ettari (2009) e infine a 14.133 con 3,2 ettari. Il numero di piccole aziende (con un volume di vendita inferiore a 5.000 litri) si è quasi dimezzato. Molti piccoli viticoltori con un vigneto di un ettaro o meno hanno venduto i loro terreni ad aziende più grandi o hanno abbandonato la coltivazione. Il numero di aziende efficienti oltre i 30.000 litri è passato da circa 970 a 1.450. Il numero di produttori che imbottigliano vino di qualità è sceso da poco meno di 6.500 aziende a circa 4.000 aziende. Sono stati prodotti 2,486 milioni di ettolitri di vino, di cui 1,649 vino bianco = 66% e 0,837 vino rosso = 34%. La tendenza di lunga data dal vino bianco al vino rosso non è continuata (vedi anche sotto i volumi di produzione del vino).

Vigneti e vitigni

Con il sistema INVEKOS introdotto dall'UE, tutti i vigneti piantati sono registrati digitalmente. In Austria, 26 varietà di vino bianco e 14 varietà di vino rosso sono definite come vitigni di qualità, che possono essere utilizzati per tutti i tipi di qualità. Le denominazioni Weißer Burgunder, Grauer Burgunder, Blauer Burgunder, Rheinriesling e Blaufränkisch non sono ammesse per il "vino con e senza vitigno/vintage" per escludere la confusione indicando presumibilmente le regioni di origine (Borgogna, Reno, Franconia). Invece, le denominazioni Pinot Bianco, Pinot Grigio, Pinot Nero e Riesling sono permesse per questi vini. Inoltre, ci sono ulteriori vitigni consentiti per questi vini.

La più grande superficie vitata è stata nel 1980 con 59.432 ettari. Da allora in poi, le aree di vino bianco sono state continuamente ridotte e le aree di vino rosso sono state ampliate. Questa tendenza è stata fermata di recente. L'Austria è un tipico paese del vino bianco, le regioni del vino rosso speciali sono il Burgenland centrale e meridionale, la Stiria occidentale e Thermenregion. Nel 2017, i vigneti hanno coperto un totale di 46.515 ettari di vigneti piantati (nel 2009 erano 45.908). Di questo, le varietà di vino rosso rappresentano 15.370 ettari = 33% (15.770 ha) e le varietà di vino bianco 31.145 ettari = 67% (30.138 ha). Non ci sono stati grandi cambiamenti rispetto al 2009. Il Grüner Veltliner, con il 6,3% anche il più grande aumento di tutte le varietà, è il leader indiscusso con quasi un terzo della superficie totale e quasi la metà delle varietà di vino bianco. Tra le varietà di vino rosso, domina lo Zweigelt seguito dalle varietà Blaufränkisch e Blauer Portugieser. La Top 5:

Österreich - die Top-5-Rebsorten

Varietà di uva - Austr
Nome principale
ufficialmente consentito in Austria
Sinonimi
Colore Ettaro
2017
%-Ant
2017
Ettaro
2009
Grüner Veltliner Weißgipfler bianco 14.423 31,0 13.518
Zweigelt Zweigelt blu, Rotburger rosso 6.426 13,8 6.476
Welschriesling - bianco 3.338 7,2 3.597
Blaufränkisch - rosso 3.009 6,5 3.225
Riesling bianco Riesling, Riesling del Reno bianco 1.986 4,3 1.863
Bianco Borgogna Pinot Bianco, Klevner bianco 1.971 4,2 1.995
Müller-Thurgau Rivaner bianco 1.788 3,8 2.102
Chardonnay Morillon (Stiria) bianco 1.618 3,5 1.431
Portugieser blu - rosso 1.263 2,7 1.622
Sauvignon Blanc Moscato Sylvaner bianco 1.248 2,7 933
Moscato bianco Giallo M., Rosso M. / Moscato Bianco bianco 864 1,9 527
Blauburger - rosso 742 1,6 903
St. Laurent - rosso 732 1,6 778
Merlot - rosso 724 1,6 649
Set comune bianco - bianco 671 1,4 807
Blu Borgogna Pinot Nero, Pinot Nero, Pinot Nero rosso 616 1,3 649
Cabernet Sauvignon - rosso 589 1,3 594
Neuburg - bianco 497 1,1 652
Blu Wildbacher - rosso 459 1,0 450
Frühroter Veltliner Malvasia bianco 367 0,8 424
Scheurebe Piantina 88 bianco 357 0,8 398
Moscato Ottonel - bianco 357 0,8 360
Traminer Gewürztraminer, Rosso T., Giallo T. bianco 284 0,6 321
Roesler - rosso 238 0,5 161
Grigio Borgogna Pinot grigio, Ruländer bianco 226 0,5 222
Bouvier - bianco 220 0,5 234
Roter Veltliner - bianco 195 0,4 193
Set comune rosso - rosso 156 0,3 51
Syrah Shiraz rosso 153 0,3 137
Rotgipfler - bianco 119 0,3 105
Goldburger - bianco 98 0,2 150
Zierfandler Rosso tardivo bianco 78 0,2 85
Cabernet Franc - rosso 75 0,2 56
Sylvaner Sylvaner verde bianco 38 0,1 43
Rathay - rosso 35 0,1 9
Furmint - bianco 11 - 9
Vite del giubileo - bianco 6 - 13
e. varietà bianche - bianco 388 0,8 155
e. varietà rosse - rosso 155 0,3 9
SORTEGGIO BIANCO 31.145 67,0 30.138
SORTEGGIAMENTO ROSSO 15.370 33,0 15.770
TOTALE 46.515 100 45.908

Categorie di vino / livelli di qualità

Il regolamento del mercato europeo del vino in vigore dal 2009 ha portato dei cambiamenti fondamentali ai livelli di qualità. Le nuove denominazioni conformi all'UE IGP (indicazione geografica protetta) e DOP (origine protetta) sono state bandite in Austria per non confondere i consumatori e le vecchie denominazioni Landwein e Qualitätswein/Prädikatswein sono state mantenute. I tre livelli sono (i primi due sono considerati uno):

  • Vino senza un'indicazione di origine più stretta (ex termine Tafelwein, ora vietato)
  • Vino con indicazione dei vitigni e/o dell'annata
  • Landwein (l'uso dell'IGP non è permesso)
  • Vino di qualità e vino Prädikat (l'uso della DOP non è permesso)

Vino senza indicazione della varietà e/o dell'annata - Vino dell'Austria:

  • massimo tre volte la resa media per ettaro
  • nessun'altra regola di coltivazione e produzione
  • sono ammessi piccoli difetti del vino come un leggero "Böckser "

Vino con indicazione della varietà e/o dell'annata - vino dall'Austria

  • privo di difetti di aspetto, odore e sapore
  • Resa massima per ettaro 10.000 kg di uva o 7.500 l di vino (vedi sotto la resa)
  • almeno 3,5 g/l di acidità totale
  • Varietà di uva da vino di qualità e altre per regolamento specifico del paese
  • Indicazione della varietà esclusivamente per i vitigni di qualità sopra elencati
  • Gradazione minima 8,5% vol
  • arricchimento massimo 2%

Vino di campagna

  • Uve di una regione viticola; solo questa regione è ammessa come origine
  • Resa massima per ettaro 10.000 kg di uva o 7.500 l di vino (vedi sotto la resa)
  • solo varietà di uva da vino di qualità
  • almeno 14 °KMW deve pesare
  • Gradazione alcolica max. 13,5% vol. per il vino bianco, max. 14,5% vol. per il vino rosso
  • almeno 4 g/l di acidità totale
  • Dolcificazione fino a un massimo di 15 g/l

Vino di qualità

  • test sensoriale e analitico positivo = numero di test dello stato
  • Uve di una regione viticola (l'origine per il DAC è una regione viticola specifica, gli altri vini di qualità solo una regione viticola generica)
  • Produzione nella regione viticola della zona viticola o della regione adiacente
  • solo varietà di uva da vino di qualità
  • Resa massima per ettaro 10.000 kg di uva o 7.500 l di vino (vedi sotto la resa)
  • almeno 15 °KMW deve pesare
  • almeno 9% vol. di alcol effettivo (Prädikatswein 5% vol.)
  • almeno 4 g/l di acidità totale
  • Dolcificazione fino a un massimo di 15 g/l

Kabinett

  • livello di qualità del vino superiore (in contrasto con la Germania nessun Prädikatswein)
  • almeno 17° KMW
  • massimo 12,9% (13% fino al 2016) vol. contenuto alcolico massimo 4 g/l di zucchero residuo o 9 g/l

Vini Prädikat

Secondo il diritto comunitario, anche un vino di qualità, perché ufficialmente ci sono solo i tre livelli di qualità menzionati. Tuttavia, le denominazioni tradizionali possono continuare ad essere utilizzate, cosa che avviene anche in altri paesi come la Germania, l'Italia (DOC e DOCG) e la Spagna (DO e DOCa). Secondo la legge austriaca sul vino, un Prädikatswein è quindi un vino di qualità superiore. Ci sono i sei tipi di vino Prädikat Spätlese, Auslese, Beerenauslese, Trockenbeerenauslese o Ausbruch, Strohwein e Eiswein. Le regole generali sono:

  • deve rispettare tutti i regolamenti sui vini di qualità
  • Lo zucchero residuo può essere ottenuto solo interrompendo la fermentazione
  • Non è permesso l'edulcorazione o l'arricchimento
  • Gradazione alcolica di almeno 5% vol
  • da Auslese Uve con surmaturazione, muffa nobile e bacche secche (botrytis)

Spätlese
Almeno 19°KMW; uve completamente mature.

Auslese
Almeno 21 °KMW; uve completamente mature e raccolte.

Beerenauslese
Almeno 25 °KMW; uve surmature e/o marciume nobile.

Ausbruch
Almeno 27 °KMW, esclusivamente bacche nobili marce, troppo mature e secche. La denominazione può essere usata solo per il Ruster Ausbruch.

Trockenbeerenauslese
Almeno 30 °KMW; nobile marcio, uva raggrinzita.

Vino di paglia
Dal 2002, la denominazione di vino di canna è stata ammessa anche come alternativa. Almeno 25 °KMW deve pesare. Deve essere prodotto da bacche completamente mature e ricche di zucchero che sono state conservate su paglia, canne o appese a corde per almeno tre mesi prima della pressatura. Secondo un emendamento alla legge del 2002, tuttavia, le uve possono essere pressate dopo solo due mesi se è stato raggiunto un peso del mosto di almeno 30 °KMW. Se il peso del mosto non è raggiunto, il vino può (deve) essere commercializzato come vino di qualità.

Vino ghiacciato
Almeno 25 °KMW. L'uva viene pressata e schiacciata allo stato congelato. Se il grado di mosto non è raggiunto, il vino può (deve) essere commercializzato come vino di qualità.

tipi di vino speciali

Ci sono un certo numero di denominazioni specifiche o tipi di vino con specifiche di legge sul vino. Questi sono Auswahl, Ausstich, Classic (Klassik), Dreikönigswein, Gespritzter, Leopoldiwein, Jubiläumswein, Jungfernwein (First Harvest), Martiniwein, Messwein, Nikolowein, Primus (First), Premium, Reserve (Große Reserve, Grande Reserve), Selection (Selektion, Grande Selection), Stefaniwein, Tradition e Weihnachtswein. Altri tipi di vino sono:

Vino di montagna
Permesso per Landwein e Qualitätswein se le uve provengono da vigneti terrazzati o da pendii ripidi con un'inclinazione superiore al 26

Heuriger
Denominazione per il vino indipendentemente dal livello di qualità da uve raccolte esclusivamente in Austria e prodotte in Austria. Tuttavia, il vino può essere venduto solo ai rivenditori entro il 31 dicembre dell'anno successivo alla vendemmia e ai consumatori entro il 31 marzo dell'anno successivo. Tuttavia, Heuriger è anche il nome comune per Buschenschank in Austria.

Tempesta
Denominazione protetta per un mosto d'uva parzialmente fermentato. Il contenuto effettivo di alcol deve essere almeno 1,0% e può essere fino a 10% vol.

Gemischter Satz
Questo termine di origine protetta è riservato esclusivamente all'Austria all'interno dell'UE. Wiener Gemischter Satz è un vino DAC nella regione vinicola Wien.

Vino biologico
La produzione è almeno soggetta alle linee guida secondo il regolamento biologico dell'UE, così come, se applicabile, le regole spesso ancora più severe di varie associazioni biologiche. L'organizzazione ombrello austriaca è Bio Austria. L'Austria ha 6.900 ettari di vigneti (cioè circa il 15% della superficie totale) che sono coltivati biologicamente ed è al secondo posto nel mondo in termini di percentuale (vedi anche sotto viticoltura biologica).

Vino spumante austriaco
A partire dall'annata 2015, è stata introdotta una piramide della qualità dello spumante con i tre livelli "Classico", "Riserva" e "Grande Riserva".

importanti norme di legge sul vino

L'opera standard austriaca sul diritto del vino è il "Weingesetz" (Manz-Verlag), che comprende 818 pagine nella 5a edizione pubblicata nel 2012. Offre una presentazione di tutta la legge sul vino, compresi tutti i regolamenti e le disposizioni dell'UE. Inoltre, c'è il database elettronico RIS (Legal Information System) con, tra l'altro, contributi sul diritto del vino (vedi anche Diritto del vino e Regolamenti UE).

Deve pesare
Per ogni livello di qualità c'è un peso minimo di mosto (vedi sopra).

Rendimento
Il sistema INVEKOS menzionato sopra ha avuto anche un'influenza sulle rese massime consentite per ettaro. La resa massima per ettaro può ora essere di 10.000 kg di uva o 7.500 l di vino (prima 9.000 kg di uva o 6.750 l di vino). Da 1,33 kg di uva si ottiene così 1 l di vino. Il Ministero dell'Agricoltura può, su richiesta del Comitato Nazionale del Vino, ridurre o aumentare la quantità massima per ettaro per la vendemmia di un anno fino al 20% per decreto, se le condizioni climatiche o viticole di quell'anno lo richiedono. Per il vino senza varietà/vintage, un massimo di tre volte la resa media per ettaro di un'azienda; per tutti gli altri livelli di qualità, si applica una resa massima per ettaro di chilogrammi di uva o di litri di vino. Se la quantità massima viene superata, l'intero raccolto di un'annata deve essere commercializzato come vino senza la denominazione del vitigno o dell'annata. Le rese devono essere comunicate al BKI (Bundeskellereiinspektion - Ispettorato federale delle cantine) per mezzo di un rapporto sul raccolto, che viene anche controllato per la conformità.

Origine
Per il vino (senza vitigno/vintage) si può indicare solo l'UE o l'Austria, per il vino da tavola si deve indicare la regione viticola, non sono ammesse unità più piccole (regione viticola, Großlage, comune). Per i vini di qualità e oltre, possono essere utilizzate origini più vicine (regione viticola, zona viticola, Großlage, comune, Ried in relazione al nome del comune) se il vino proviene al 100% dalla zona specificata.

Vintage
Un'indicazione non è permessa solo per il vino senza vitigno/vintage. Per gli altri livelli di qualità, la proporzione deve essere almeno l'85% dell'annata indicata. I dolcificanti e il dosaggio non contano per il 15%. Per il vino di ghiaccio raccolto nell'anno successivo (gennaio o più tardi), deve essere indicato l'anno precedente.

Varietà di uva
Un'indicazione non è permessa solo per il vino (senza vitigno/vintage). Nel caso delle altre classi di qualità, la proporzione deve essere almeno dell'85% del vitigno indicato. Nel caso di due o più vitigni, i nomi possono essere indicati in ordine decrescente di quantità se sommati al 100%. L'indicazione di purezza varietale è consentita solo se il vino proviene al 100% dal vitigno indicato. Per i vini Spätlese e Auslese, è necessario indicare la o le varietà di uva.

La miscelazione di uve, mosto, mosto o vino da uve di vino rosso e bianco è permessa solo per il vino senza indicazione di annata/varietà. Tuttavia, questi vini non possono essere descritti come vino rosso o bianco, ma solo come "vino dell'Austria".

Contenuto di zucchero
L'Austria ha reso obbligatoria l'indicazione del contenuto di zucchero residuo sull'etichetta. Un vino è considerato secco con un massimo di 4 g/l (ex extra dry, ora non più consentito) o con un massimo di 9 g/l se l'acidità totale non è più di 2 g/l inferiore allo zucchero residuo. A 8 g/l, per esempio, questo richiede almeno 6 g/l di acidità totale. Gli altri gradi sono semi-secco con 12 g/l o 18 g/l se l'acidità totale non è più bassa di 10 g/l, dolce con un valore superiore a quello del semi-secco ma un massimo di 45 g/l, nonché dolce con almeno 45 g/l. Non rilevanti dal punto di vista del diritto del vino sono l'erba e l'österreichisch trocken.

Dolcificazione(aumento dello zucchero residuo)
Il vino con e senza vitigno/vitigno può essere addolcito con un massimo di 4% vol. di alcol; si tratta di circa 68 g/l di zucchero residuo, che corrisponde a circa 5 °KMW. Al contrario, Landwein e Qualitätswein possono essere addolciti da un massimo di 15 g/l di zucchero residuo. Landwein e Qualitätswein possono essere dolcificati fino a un massimo di 15 g/l di zucchero non fermentato. Questo può essere fatto aggiungendo mosto d'uva, mosto d'uva concentrato o (cosa che si fa raramente) RTK (mosto d'uva rettificato). Il saccarosio è vietato come dolcificante. In linea di principio, la dolcificazione non è permessa per i vini Kabinett e Prädikat.

Arricchimento(aumento della gradazione naturale)
Può essere effettuata su tutti i tipi di vino con un massimo di 2% vol. di alcol per mezzo degli agenti autorizzati. Dopo l'applicazione, è consentito un massimo di 18 g/l di zucchero residuo (precedentemente 15 g/l) nel caso di Landwein e Qualitätswein. La gradazione alcolica può essere ridotta a un massimo di 12% vol. per il vino bianco e 12,5% vol. per il vino rosso; a un massimo di 13,5% vol. per il vino locale bianco o il vino di qualità; e a un massimo di 14,5% vol. per il vino locale rosso e il vino di qualità. In linea di principio, l'arricchimento non è permesso per Kabinett e Prädikatswein.

Istituzioni e organismi

Importanti istituzioni, enti, autorità e istituti di ricerca che svolgono funzioni di ricerca, organizzazione, controllo, pubblicazione o formazione in relazione alla viticoltura includono BKI (Bundeskellerei-Inspektion), Klosterneuburger Weinbauinstitut, ÖWM (Österreich Wein Marketing), Silberberg (Weinbauinstitut) e Weinakademie Österreich.

Autori o critici di vino influenti sono Christa Hanten, Helmut O. Knall, Walter Kutscher, Peter Moser, Michael Prónay, Peter Schleimer, Viktor Siegl e Rudolf Steurer. Contribuiscono a molte riviste di vino e guide di vino come A la Carte - Magazin für Trink- und Esskultur, Falstaff Wein Guide Österreich/Südtirol, Gault Millau, Kutschers Kostnotizen, Vinaria Weinguide e Wine-Guide-Austria / Wine-Times.

Mappe: ÖWM - Österreich Wein Marketing GmbH.
Vitigni: Ursula Brühl, Doris Schneider, Julius Kühn-Institut (JKI)

In questa sezione trovi
attualmente 149,015 Vini e 23,337 produttori, di cui 2,237 produttori classificati.
Sistema di valutazione Fonti d'acquisto Campioni per la degustazione

Eventi nelle tue vicinanze