wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

Regioni

Descrizioni dettagliate di tutte le denominazioni d'Europa con vitigni, tradizioni e disciplinari di produzione.

Spiacente, nessuna mappa regionale disponibile per Chateauneuf-du-Pape AOC
Chateauneuf-du-Pape AOC

Descrizione di Chateauneuf-du-Pape AOC

La storia di questo famoso vino francese del Rodano meridionale è strettamente legata alla Chiesa Cattolica Romana. Dal 1309 al 1377, la città di Avignone fu la sede dei papi e, dal 1378 al 1408, di due contro-papi. Clemente V (1264-1314) divenne il primo Papa in esilio qui nel 1309, seguito da altri sei. Uno di loro fu Papa Giovanni XXII (1244-1334), nato a Cahors, che scelse il castello di Châteauneuf come sua residenza estiva. Fece trasformare il castello in residenza estiva e diede importanti impulsi alla viticoltura. Portò dei viticoltori di Cahors, che stabilirono qui la viticoltura e produssero un vino rosso chiamato "Vin d'Avignon". Era, per così dire, il predecessore di Châteauneuf-du-Pape, ma questo nome divenne comune solo nel XIX secolo. L'attuale comune di Châteauneuf-du-Pape si chiamava Châteauneuf Calcernier fino al 1893. Il simbolo della città di Avignone con due chiavi incrociate (quelle di San Pietro) e la tiara del Papa è un ricordo di questo passato. Un grande amante del vino Châteauneuf-du-Pape fu il presidente della Repubblica, Charles de Gaulle (1890-1970)

Châtzeauneuf-du-Pape - Gemeinde mit im Hintergrund Rhône

L'appellativo

I confini dell'area di circa 3.200 ettari furono stabiliti già nel 1929, e il riconoscimento come una delle prime denominazioni seguì nel 1936. Classificata come cru (denominazione superiore), l'area si trova nella parte più meridionale della zona Côtes du Rhône-Villages sulla riva sinistra del Rodano (vedi la parte superiore della foto sullo sfondo). Comprende il comune di Châteauneuf-du-Pape e alcuni siti di Bédarrides, Courthézon, Orange e Sorgues. Caratteristici sono i grandi ciottoli arrotolati (galets roulés) mescolati con un terriccio rosso e sabbioso, che rilasciano il calore immagazzinato durante il giorno alle viti durante la notte (vedi in basso nella foto). Tuttavia, ci sono anche terreni sabbiosi. Il clima è caldo e secco. Per 130 giorni all'anno soffia il maestrale, un vento freddo, secco e spesso forte che asciuga rapidamente l'uva anche dopo forti piogge. Altrettanto tipiche sono le formazioni di cespugli conosciute come garrigue su terreni poco profondi, che danno ai vini toni terrosi con aromi vegetali aspri. Almeno il 2% delle uve di qualità insufficiente deve essere scartato (le râpé). La resa media è di 30 hl/ha. La gradazione alcolica deve essere di almeno 12,5% vol.

Châteauneuf-du-Pape - Karte südliche Rhône und Châteaneuf-du-Pape

Varietà d'uva e vinificazione

Ci sono vini rossi e bianchi (niente rosé); sono ammessi 13 vitigni . Pierre Le Roy de Boiseaumarié (1890-1967), il proprietario di Château Fortia, ne definì dieci nel 1923 - altri tre furono aggiunti nel 1936. I rossi sono Cinsaut, Counoise, Grenache Noir (Garnacha Tinta), Mourvèdre (Monastrell), Muscardin, Piquepoul Noir, Syrah, Terret Noir e Vaccarèse (Brun Argenté). Le varietà bianche sono Bourboulenc, Clairette Blanche, Grenache Blanc (Garnacha Blanca), Oeillade Blanche (Picardan), Piquepoul Blanc, Roussanne e Terret Blanc. Grenache, Piquepoul (Picpoul) e Terret sono disponibili in rosso e in bianco; in effetti, 18 varietà sono ammesse. L'uso delle varietà è completamente a discrezione dell'enologo.

La miscela abituale di vino rosso è Grenache Noir (50-70%), Mourvèdre (10-30%), Cinsaut, Counoise, Syrah e Vaccarèse (fino al 20%), e il bianco Bourboulenc, Clairette Blanche e Piquepoul Blanc (fino al 10%). Tuttavia, ci sono anche tipi monovarietali fatti con Grenache Noir, come da Château Rayas, ma anche (piuttosto poche) cantine, come Domaine de Beaurenard, che usano tutte e 13 le varietà. I vini rossi rappresentano circa il 93% del volume di produzione. I vini bianchi sono sempre vinificati a secco e, a seconda dell'annata, sono relativamente corposi con una bassa acidità

I diversi terroir e l'arbitraria cuvée (miscela di vitigni) rendono molto difficile una descrizione generalmente valida. In passato, si distingueva tra due tipi fondamentali. Il tipo speziato prodotto con il metodo tradizionale è profondamente scuro, ad alto contenuto alcolico fino a 14% vol. e può essere conservato per diversi decenni. Il secondo tipo è prodotto con il metodo macération carbonique (macerazione con acido carbonico), ha un gusto simile alla marmellata e assomiglia al Beaujolais. Oggi, tuttavia, il 14% è quasi il limite inferiore; nel frattempo, almeno il 15% e persino il 17% sono la regola.

Anche oggi, i migliori Châteauneuf-du-Pape di tipo tradizionale hanno tutte le strutture per un periodo di maturazione, alcuni dei quali possono durare per decenni. Bisogna fare più attenzione con gli esempi più moderni, densi di frutta e particolarmente ricchi di alcol. Molti di loro impressionano in gioventù e ricevono le valutazioni più alte, ma si può sempre provare delusione con loro dopo qualche anno di maturità. Sono maturati in vari contenitori come foudre, demi-muid, in quantità minori barrique (specialmente per le due varietà Syrah e Roussanne), acciaio inossidabile e soprattutto cemento. Non c'è un periodo di invecchiamento minimo prescritto; di regola, i vini bianchi invecchiano per 9 mesi e i vini rossi per 12-18 mesi. Le grandi annate sono 1978, 1990, 1995, 1998, 1999, 2001, 2007, 2010, 2015 e 2017.

Châteauneuf-du-Pape - Weinberge mit im Hintergrund dem Mont Ventoux

I produttori

Ogni anno, 220 produttori producono una media di 92.000 ettolitri di vino e commercializzano circa 12 milioni di bottiglie di Châteauneuf-du-Pape, di cui circa due terzi vengono esportati. Circa il 3% proviene dalla Cave coopératives Cellier des Princes. Circa un terzo proviene dalla coltivazione biologica. I produttori noti sono Chapoutier, Château de Beaucastel, Château Fortia, Château de la Gardine, Château Mont-Redon, Château Rayas, Clos des Papes, Cuvée du Vatican, Domaine Paul Autard, Domaine La Bastide Saint Dominique, Domaine de Beaurenard, Domaine Bois de Boursan, Domaine Bosquet des Papes, Domaine Chante Cigale, Domaine Chante Perdrix, Domaine de La Charbonnière, Domaine des Chaussand, Domaine de La Côte de l'Ange, Domaine de Cristia, Domaine de Fontavin, Domaine Font de Michelle, Domaine Galévan, Domaine Giraud, Domaine du Grand Tinel, Domaine de La Janasse, Domaine La Roquète, Domaine Le Mereuille, Domaine de la Nerthe, Domaine du Pégau, Domaine des Pères de L'Eglise, Domaine de la Roncière, Domaine Saint Benoît, Domaine de Saint Paul, Domaine de Saint Siffrein, Domaine de la Solitude, Domaine Jean Trintignant, Domaine de Villeneuve, Domaine Patrice Magni, Domaine du Vieux Lazaret, Domaine du Vieux Télégraphe, Maison Delas Frères e Mas de Boislauzon.

Châteauneuf-du-Pape - 5 Flaschen und Rebstock auf Kiesboden

Vigneti e Rodano: Par jean-louis zimmermann, CC BY 2.0, Lien
Vigneti e Mont Ventoux: di BlueBreezeWiki - Opera propria, CC BY-SA 3.0, Link
Mappa del Rodano meridionale: Da Jarrod Doll - o p. a Flickr come Châteauneuf-du-Pape, CC BY 2.0, Link
Bottiglie: Par Marianne Casamance - Personale del lavoro, CC BY-SA 3.0, Lien
Vine on pebble soil: Par jean-louis zimmermann, CC BY 2.0, Lien

In questa sezione trovi
attualmente 149,824 Vini e 23,352 produttori, di cui 2,184 produttori classificati.
Sistema di valutazione Fonti d'acquisto Campioni per la degustazione

Eventi nelle tue vicinanze