wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

Spiacente, nessuna mappa regionale disponibile per Setubal DOC
Setubal DOC

Descrizione di Setubal DOC

La zona DOC che prende il nome dalla città sulla costa atlantica si trova a sud-est della capitale portoghese Lisbona, sulla penisola di Setúbal, nella parte centro-occidentale della regione della Península de Setúbal. Il clima qui è caratterizzato dall'influenza dell'Oceano Atlantico in autunno e, soprattutto, dalle correnti d'aria fresca e molto umida provenienti dall'estuario del Tago. Le viti crescono su terreni calcarei, sabbiosi e argillosi. Dopo il Porto e il Madeira, questo è il terzo grande vino da dessert portoghese con una tradizione molto antica. Si dice che il Re Sole francese Luigi XIV (1638-1715) richiedesse sempre il vino liquoroso di Setúbal per le sue feste a Versailles. Lo scrittore inglese di vini Cyrus Redding (1785-1870) ha elogiato il vino nel 1851 nel suo libro "A History and Description of Modern Wine". Intorno al 1860, il vino fu esportato in tre continenti. Come nel caso di Madeira, veniva caricato sulle navi in barili e trasportato due volte attraverso l'equatore prima di essere venduto. Queste bottiglie, etichettate TVE (Torna Viagem) e risalenti al periodo 1870-1890, sono ancora conservate nelle cantine dell'azienda Fonseca.

Setúbal - Karte

La denominazione Moscatel de Setúbal o Moscatel Roxo è consentita solo per almeno l'85% di Moscatel de Setúbal (Muscat d'Alexandrie). Per il resto, sono ammessi Arinto, Boal Branco (Malvasia Fina), Moscatel Douro (Muscat Blanc) e la varietà rossastra Moscatel Roxo. Se si utilizza meno dell'85% ma almeno il 67% di varietà di Moscatel, può essere chiamato solo Setúbal . Per il restante 33%, tuttavia, sono ammesse anche altre varietà di vino bianco e rosso. Il vino è solitamente un assemblaggio di diverse annate e, in annate particolarmente buone, viene prodotto anche un Setúbal d'annata. Dopo la diraspatura, le uve vengono pressate delicatamente. Dopo una fermentazione relativamente breve in tini di fermentazione o in grandi vasche di cemento, questa viene fermata a una gradazione alcolica di circa 12% vol. e a un residuo zuccherino inferiore a 100 g/l mediante spruzzatura con alcol puro (alcol etilico). Il materiale di fermentazione viene poi conservato per almeno 6-12 mesi, quindi si procede alla pressatura e alla filtrazione.

Il vino giovane matura poi ulteriormente in botti di rovere o mogano con un invecchiamento ossidativo. Alcuni produttori, come Fonseca, aggiungono uva in questa fase per aumentare il fruttato. La perdita dovuta all'evaporazione viene reintegrata con vini della stessa età. Il Torna Viagem, un tempo comune per i vini selezionati, non è più usuale. La maturazione richiede almeno cinque o sei anni, per qualità particolari anche 20-25 anni. I vini più giovani sono di colore ambrato, quelli molto vecchi sono di colore cognac con aromi di caffè, caramello e miele. I vini hanno un contenuto di zucchero residuo fino a 90 g/litro e una gradazione alcolica compresa tra 18 e 20% vol. Sono caratterizzati da una longevità decennale.

Mappa: Di Tschubby - Opera propria, CC BY-SA 3.0, Link

In questa sezione trovi
attualmente 166,644 Vini e 25,078 produttori, di cui 3,233 produttori classificati.
Sistema di valutazione find+buy Campioni per la degustazione Palinsesto editoriale

Eventi nelle tue vicinanze

PREMIUM PARTNER