wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

Fürst von Metternich-Winneburg'sche Domäne, Schloss Johannisberg

Germania Rheingau

Azienda vinicola Vini File 2
Nome: Fürst von Metternich-Winneburg'sche Domäne, Schloss Johannisberg
Mostra in Places
Anno di fondazione: 1320
Indirizzo: Indirizzo
65366 Geisenheim-Johannisberg, Germania
Zona di produzione: Rheingau
Mostra in Places
Ettari vitati: 50 ha
Proprietario: Fürst von Metternich GbR
Amministratore: Stefan Doktor
Amministratore delegato: Stefan Doktor
Cantiniere: Gerd Ritter
Telefono:
Fax:
social media:
Associazioni: VDP
Crea un nuovo bookmark per i vini di Fürst von Metternich-Winneburg'sche Domäne, Schloss Johannisberg. I vini attualmente degustati appariranno quindi sulla tua home page delle recensioni vini.
Fürst von Metternich-Winneburg'sche Domäne, Schloss Johannisberg
Azienda vinicola di fama mondiale con sede nell'omonimo castello sul famoso Johannisberg nel Rheingau. Si dice che Karl der Große (742-814) abbia fatto piantare per la prima volta un vigneto sullo Joh...

Vini degustati 146 Vini Mostra tutti

 
find+buy
0.75 l
2022 Schloss Johannisberg Riesling VDP.Grosses Gewächs trocken "Silberlack"
57.00 €
91 WP - eccellente
Descrizione: Aroma nocciolato e leggermente legnoso-speziato di agrumi maturi con note di nocciolo e pomacee, tra...
 
find+buy
0.75 l
2023 Schloss Johannisberg Riesling trocken "Gelblack"
17.30 €
86 WP - molto buono
Descrizione: Naso fresco, giallo-fruttato chiaro con belle note vegetali e delicatamente di lievito. Frutto snell...
 
find+buy
0.75 l
2023 Schloss Johannisberg Riesling trocken "Bronzelack"
28.50 €
88 WP - molto buono
Descrizione: Naso fresco e luminoso di agrumi e pesca con delicate note vegetali e minerali. Netto, abbastanza lu...
0.75 l
2012 Schloss Johannisberg Riesling trocken Grosses Gewächs, Silberlack
39.00 €
92 WP - eccellente
Descrizione: Naso deciso e abbastanza profondo, quasi fresco, un po' vegetale, relativamente leggero di agrumi e...
0.75 l
2020 Schloss Johannisberg Riesling Grosses Gewächs trocken "Silberlack"
52.00 €
89 WP - molto buono
Descrizione: Naso molto sviluppato di frutta a nocciolo giallo, ma anche di prugne con delicate sfumature affumic...
0.75 l
2009 Schloss Johannisberg Riesling Erstes Gewächs trocken Silberlack
36.50 €
91 WP - eccellente
Descrizione: Profumo leggermente caldo, un po' dolce-floreale e un po' ceroso di agrumi e frutta a nocciolo parzi...

Azienda vinicola di fama mondiale con sede nell'omonimo castello sul famoso Johannisberg nel Rheingau. Si dice che Carlo Magno (742-814) abbia fatto piantare per la prima volta un vigneto sullo Johannisberg. Tra il 1096 e il 1100, i monaci benedettini di Magonza costruirono un monastero sull'altopiano di Bischofsberg, sopra il villaggio di Johannisberg, e coltivarono anche la vite. Questo fa della tenuta una delle più antiche aziende vinicole della Germania. La basilica di "San Giovanni Battista" fu consacrata nel 1130 e diede il nome al monastero e alla comunità. Nel 1716, il principe abate di Fulda Konstantin von Buttlar (1679-1726) acquistò i resti dal vescovo elettore di Magonza Lothar Franz von Schönborn (1655-1729) per 75.392 fiorini (1,85 milioni di euro di oggi), fece demolire l'edificio e vi fece costruire un palazzo barocco a tre ali come residenza estiva. Alla vecchia cantina fu aggiunta nel 1721 un'enorme cantina lunga 250 metri.

Schloss Johannisberg mit Rebflächen

L'impianto del Riesling

All'epoca, nel Rheingau era consuetudine piantare i vigneti con varietà miste, tra cui le storiche varietà Elbling e Orléans. Nel 1720, il principe abate fece strappare i vigneti misti sul versante meridionale del Reno e li fece piantare con il Riesling. Ciò contribuì alla popolarità e alla diffusione della varietà nota anche come "Johannisberg Riesling". Le talee di Johannisberg erano ricercate in tutti i continenti e molte viti in Australia, Sudafrica e Stati Uniti provengono da qui. Durante le guerre napoleoniche, il Rheingau fu occupato dai francesi e il castello e i vigneti furono secolarizzati nel 1803. L'imperatore Napoleone (1769-1821) affidò la tenuta al suo maresciallo François-Étienne-Christophe Kellermann (1735-1820), duca di Valmy. Questi vendette l'intero raccolto della famosa annata 1811 a Gottlieb Mumm (1782-1852), fondando così l'odierna azienda vinicola G.H. von Mumm.

I più importanti estimatori di Johannisberg

Il poeta Heinrich Heine (1797-1856) scrisse entusiasta del Johannisberg: "Mon Dieu, se solo avessi tanta fede in me da poter spostare le montagne, il Johannisberg sarebbe proprio la montagna che mi seguirebbe ovunque". Altri famosi amanti del vino di Johannisberg furono Johann W. von Goethe (1749-1832), al quale fu servito un Riesling Johannisberg Cabinet annata 1748 in occasione del suo 66° compleanno, l'autore del romanzo "Leatherstocking" James Fenimore Cooper (1789-1851) e il Kaiser tedesco Guglielmo II (1859-1941). Goethe visitò il castello di Johannisberg nel 1814 e scrisse: "Johannisberg svetta su tutto. I magnati non litigano tra loro. Gli Hochheimer, i Johannisberger e i Rüdesheimer si riconoscono l'un l'altro, solo tra gli dei di rango inferiore c'è gelosia e invidia".

Thomas Jefferson (1743-1826), il futuro presidente degli Stati Uniti, scrisse in una lettera dopo aver viaggiato lungo il Reno nel 1788: "Fermate il vostro viaggio a Rüdesheim e al monastero di Johannisberg per esaminare i vigneti e i vini che vi si trovano; quest'ultimo è il migliore prodotto sul Reno, è incomparabile e costa circa quanto il più vecchio Hochheimer. L 'annata 1775 è la migliore". Nello stesso anno, a Johannisberg ebbe luogo la famosa storia del cavaliere della vendemmia tardiva, come testimonia una scultura nel cortile del castello. A partire dal 1788, tutte le annate vennero imbottigliate e vennero redatte precise liste di imbottigliamento con origine, prezzo della bottiglia e quantità. I monaci iniziarono a essere più selettivi e a produrre sistematicamente vini Spätlese e Auslese. È documentato che uno dei primi vini di ghiaccio fu pressato qui nel 1858.

Celebrazioni del 900° anniversario

Dopo la battaglia di Lipsia del 1813 e la sconfitta di Napoleone, la tenuta fu sotto l'amministrazione congiunta di Austria, Prussia e Russia fino al 1815. Nel corso dei negoziati del Congresso di Vienna (1814-1815), entrò in possesso dell'imperatore austriaco Francesco I (1768-1835), che la cedette al principe Klemens Wenzel Lothar conte di Metternich-Winneburg (1773-1859) per i suoi servizi alla pace europea, a condizione che alla famiglia Asburgo o ai suoi legittimi successori venisse corrisposta una decima annuale dei proventi. Questo accordo è valido ancora oggi e il beneficiario è la Casa d'Asburgo. Nel 1942 il castello fu bombardato e quasi completamente distrutto. Il pronipote del Cancelliere Paul Alfons Metternich lo restaurò e lo riportò all'antico splendore fino al 1965. Il proprietario è la "Fürst von Metternich-Winneburg'sche Domäne Schloss Johannisberg GbR". L'amministratore è Christian Witte e il maestro di cantina è Gerd Ritter (responsabile anche della vicina cantina G.H. von Mumm ). Alla fine del 2001, il 900° anniversario della cantina è stato celebrato a Schloss Johannisberg con numerose celebrità.

I vigneti

I vigneti si estendono per 35 ettari nel vigneto singolo di Schloss Johannisberg, di proprietà monopolistica della cantina, che si estende sotto il castello a un'altitudine compresa tra 114 e 182 metri sul livello del mare con una pendenza compresa tra il 10 e il 45%. Dal punto di vista amministrativo, Schloss Johannisberg è un distretto separato del comune di Geisenheim che, con la legge sul vino del 1971, dà il diritto di utilizzare il nome del vigneto sull'etichetta della bottiglia senza il nome del luogo. I terreni sono costituiti da loess e terriccio pietroso con quarzo del Taunus nel sottosuolo. Il 50° parallelo, generalmente considerato il limite settentrionale per la viticoltura commerciale, attraversa proprio questo vigneto. Tuttavia, l'eccellente microclima consente anche la maturazione di fichi, mandorle e limoni.

La vinificazione

Dopo la pressatura a grappolo intero, i vini vengono fatti fermentare lentamente e a freddo. I singoli livelli di qualità sono identificati dal colore. Questi sono giallo per i vini di qualità, rosso per il Kabinett, verde per lo Spätlese, rosa per l'Auslese, rosa-oro per il Beerenauslese, oro per il Trockenbeerenauslese e blu per l'Eiswein. L'ice wine del 1996, vendemmiato il 26 dicembre di buon mattino al gelo e con un peso del mosto di 180 °Oechsle e un'acidità del 18,9 per mille, è noto come il vino del secolo. Un Trockenbeerensauslese dell'annata 2020 è stato venduto per 18.000 euro a un'asta VDP. Ogni anno vengono prodotte circa 260.000 bottiglie di vino. Schloss Johannisberg è l'origine del marchio di spumanti "Fürst von Metternich", vedi la storia sotto la parola chiave Söhnlein.

Immagine: da DXR - Opera propria, CC BY-SA 3.0 delink

Fürst von Metternich-Winneburg'sche Domäne, Schloss Johannisberg Regioni: Germania Rheingau
Uno dei migliori produttori del proprio paese
Membro Business Premium di wein.plus
In questa sezione trovi
attualmente 166,853 Vini e 25,085 produttori, di cui 3,267 produttori classificati.
Sistema di valutazione find+buy Campioni per la degustazione Palinsesto editoriale

Eventi nelle tue vicinanze

PREMIUM PARTNER