wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

Antinori Marchesi

Italia Toscana

Azienda vinicola Vini
Crea un nuovo bookmark per i vini di Antinori Marchesi. I vini attualmente degustati appariranno quindi sulla tua home page delle recensioni vini.

Dove posso comprare vini di Antinori Marchesi?

Cerca & Trova
Per una classificazione di questa cantina ci mancano attualmente sufficienti vini attuali
La famosa famiglia nobile italiana in Toskana si dedica alla viticoltura da 26 generazioni. La famiglia è uno dei più grandi e importanti produttori e commercianti di vino in Italien. Il fondatore fu...

Vini degustati 19 Vini Mostra tutti

0.75 l
2012 Brunello di Montalcino DOCG Riserva Vignaferrovia
Fino a 100.00 €
Traduci in Italiano Descrizione: Nussiger und etwas unterholziger Duft nach reifen roten und auch schwarzen Beeren mit erdigen, jodig...
0.75 l
2013 Brunello di Montalcino DOCG Pian delle Vigne
Fino a 50.00 €
Traduci in Italiano Descrizione: Etwas tabakiger, nussiger und unterholziger Duft nach reifen schwarzen und roten Beeren mit getrockn...
0.75 l
2012 Brunello di Montalcino DOCG Pian delle Vigne
Traduci in Italiano Descrizione: Nussiger, erdiger und leicht getrocknet-pflanzlicher bis tabakiger Duft mit Beerentönen, Kräutern, k...
 
Trova una fonte d'acquisto per questo vino
0.75 l
2009 Chianti Classico DOCG Riserva Marchesi Antinori
Fino a 20.00 €
Traduci in Italiano Descrizione: Klarer, etwas entwickelter Duft nach schwarzen und etwas roten Beeren mit Kirscharomen sowie leicht...
 
Trova una fonte d'acquisto per questo vino
0.75 l
2012 Umbria IGT Chardonnay Bramìto del Cervo, Castello della Sala
17.95 €
Traduci in Italiano Descrizione: Zart gewürziger Duft nach geschmortem Fleisch, Erbsen und Kernobst mit leicht holzigen Tönen. Im Mun...
 
Trova una fonte d'acquisto per questo vino
0.75 l
2011 Umbria IGT Cervaro della Sala, Castello della Sala
47.50 €
Traduci in Italiano Descrizione: Holzwürziger und zart nussiger Duft nach gelben Früchten mit getrocknet-pflanzlichen und erdigen Tön...

La famosa famiglia nobile italiana in Toscana si dedica alla viticoltura da 26 generazioni. La famiglia è uno dei più grandi e importanti produttori e commercianti di vino in Italia. Il fondatore fu Giovanni di Piero Antinori nel 1385, la cui vita include anche l'ascesa della famiglia Medici a Firenze. Veniva da una famiglia di commercianti fiorentini con una lunga tradizione vinicola. A quel tempo, la città aveva attraversato un lungo periodo di disordini bellici e diverse ondate di peste. La produzione di vino, insieme al commercio della seta e alle banche internazionali, costituiva il terzo pilastro delle attività della famiglia. Niccolò di Tommaso Antinori acquistò il palazzo rinascimentale sulla piazza degli Antinori, costruito nel 1469, nel 1506. Successivamente, sono stati acquisiti vigneti e piccole tenute in Toscana.

Nel 1898 i due fratelli Piero e Ludovico Antinori, insieme al cognato Guglielmo Guerrini, fondarono l'attuale azienda Marchesi Antinori, inizialmente con il nome di Marchesi L&P Antinori, con lo scopo di "creare un po' di ordine tra le varie attività viticole costruite fin dal XIV secolo dalle precedenti generazioni di Antinori". Durante un viaggio in Champagne nel 1905, Lucien Charlemagne (uno degli chef delle grotte) fu incaricato di creare il primo spumante della casa utilizzando il méthode traditionnelle. Una prossima pietra miliare fu il Chianti "Villa Antinori" nel 1928, vinificato con uno stile longevo che era nuovo in Toscana a quel tempo.

Palazzo Antinori und  Antinori Wappen

Storia più recente

Niccolò Antinori pose le basi per i vini del Chianti e dell'Orvieto di altissima qualità e ampliò con successo l'azienda nonostante i disordini della seconda guerra mondiale (1939-1945). Nel 1966, suo figlio Marchese Piero Antinori (*1938) assume la gestione. È considerato la figura principale della rivoluzione enologica in Italia, anche in relazione ai cosiddetti Super Tuscans, che hanno avuto una notevole influenza sulla qualità dei vini italiani. Tra le tante innovazioni, è stato uno dei primi a sperimentare l'invecchiamento in barrique. Nel 1961, assunse il giovane enologo Giacomo Tachis (1933-2016), che aveva già acquisito una fama leggendaria durante la sua vita. Ha dato l'impulso per l'uso del vitigno Cabernet Sauvignon nella regione del Chianti. Gli è succeduto Renzo Cotarella nel 1993.

Antinori - Marchese Piero Antinori mit Töchtern Albiere, Allegra und Alessia

Nel 1966, gli acquazzoni persistenti hanno causato un grande disastro. Le acque dell'Arno traboccarono nelle cantine Antinori. Anche una grande quantità di vino è stata distrutta. Questo è stato il motivo per rinnovare completamente la casa. L'enologo francese Émile Peynaud (1912-2004) fu assunto come consulente e introdusse serbatoi di acciaio inossidabile a temperatura controllata. Nel 1971 fu creato il più tardi famoso Tignanello, modellato sul Sassicaia prodotto dallo zio di Piero, Nicolò Incisa. I due vini sono considerati l'inizio dell'era Super Tuscan.

Le tre figlie Albiera, Allegra e Alessia seguono la tradizione familiare e sono attive nell'azienda in varie funzioni. Hanno rilevato l'attività operativa dal padre. Oggi, l'impero di famiglia comprende un totale di 16 cantine in Italia e 7 all'estero. Si tratta di cantine e aziende vinicole in Puglia, Piemonte, Toscana e Umbria e in California. La superficie totale dei vigneti è poco meno di 3.000 ettari, di cui 2.200 in Italia. Tuttavia, il patrimonio totale è molto più grande. In alcune tenute, oltre al vino si produce anche olio d'oliva. La proprietà comprende anche i ristoranti "Cantinetta Antinori" a Firenze, Zurigo, Wien, Mosca e Montecarlo e "Procacci" a Firenze. L'azienda Antinori è membro della rinomata associazione di cantine familiari PFV (Primum Familiae Vini).

Cantine e joint venture

La cantina Tenuta Tignanello fu acquistato a metà del 19° secolo da una linea collaterale della famosa dinastia dei Medici e si trova nel cuore del Chianti-Classico, 30 chilometri a sud di Firenze. I due vigneti di punta si chiamano Tignanello (57 ha in esposizione aperta a sud-est) e Solaia (20 ha adiacenti). La sede della "Bottega Cantina Antinori" a Bargino, completata nel 2012 sull'autostrada da Firenze a Siena, è considerata un punto di riferimento della regione. La cantina di Bargino produce il "Villa Antinori Chianti Classico Riserva", il "Chianti Classico Peppoli" e il "Vin Santo del Chianti Classico".

Tenuta di Pèppoli e Badia a Passignano

Cinque chilometri a nord di Tignanello si trova la Tenuta di Pèppoli, acquistata nel 1985 in occasione del 600° anniversario della famiglia Antinori. I vigneti coprono 50 ettari e sono principalmente piantati con Sangiovese, oltre a piccole quantità di Syrah, Merlot e Malvasia Bianca Lunga. Qui si produce anche olio d'oliva. Il terzo pilastro del Chianti Classico è il vigneto Badia a Passignano, tre chilometri a sud di Tignanello. San Giovanni Gualberto fondò qui nel 1049 l'Ordine Vallombrosano, un ramo dei Benedettini specializzato in viticoltura e silvicoltura. Un fossile di Vitis vinifera è stato trovato qui nel 1983. Dei 223 ettari, 65 sono destinati alla viticoltura e sono principalmente piantati a Sangiovese. Il "Chianti Classico Gran Selezione Badia a Passignano" è prodotto qui.

Guado al Tasso e Ornellaia

La tenuta Guado al Tasso si trova vicino a Bolgheri, sulla costa toscana, e copre 320 ettari di vigneti. Produce il vino rosso che porta il nome della tenuta (una cuvée di Cabernet Sauvignon, Cabernet Franc e talvolta una piccola quantità di Petit Verdot ), il rosato "Scalabrone" e il vino bianco "Vermentino". Nelle immediate vicinanze si trova la tenuta Ornellaiache apparteneva a Lodovico Antinori (fratello minore di Piero Antinori). E non lontano si trova anche la tenuta di Biserno, il primo progetto comune dei fratelli Antinori, sotto la direzione di Lodovico.

altre cantine in Toscana

La cantina La Braccesca, acquisita nel 1990, si trova a Montepulciano. I vigneti coprono 340 ettari. Qui vengono prodotti, tra l'altro, un Vino Nobile di Montepulciano, il Rosso di Montepulciano "Sabazio", così come i due Syrah "Achelo" e "Bramasole". Vicino a Cortona si trova la tenuta di Santa Cristina, dove si producono vini con questo marchio. A Montalcino c'è la cantina Pian delle Vigne, acquisita nel 1995 e che prende il nome da una stazione ferroviaria, con un Brunello di Montalcino e la Riserva "Vignaferrovia". Nell'estremo sud della Toscana, in Maremma, si trovano la Fattoria Aldobrandesca vicino a Sovana e la cantina Le Mortelle.

Cantine in Umbria, Piemonte e Puglia

La tenuta Castello della Sala, che prende il nome dal castello medievale vicino alla città di Orvieto in Umbria, fu acquistata nel 1940. Sugli estesi vigneti con 160 ettari di viti, si coltivano le varietà Procanico, Grechetto, Chardonnay, Sauvignon Blanc, Sémillon, Pinot Bianco, Viognier, Traminer, Riesling e Pinot Nero. Qui si produce il vino bianco "Cervaro della Sala". Altre cantine sono Prunotto (Piemonte), Tormaresca con le due cantine Tenuta Bocca di Lupo e Masseria Maìme (Puglia) e Montenisa con uno spumante Franciacorta (Lombardia).

proprietà straniere

Le partecipazioni estere di Antinori sono le cantine Haras de Pirque (Cile) e Antica (Napa Valley in California). Ci sono joint venture con le cantine Cantine Stag's Leap (Napa Valley), Col Solare (Washington), Tuzko (Ungheria), Meridiana (Malta) e Vitis Metamorfosis (Romania).

Palazzo Antinori: di Sailko - Opera propria, CC BY-SA 3.0, link
Stemma: Da I, Sailko, CC BY 2.5, Link
Famiglia Antinori: HAWESKO

Antinori Marchesi Regioni: Italia Toscana
In questa sezione trovi
attualmente 153,188 Vini e 24,004 produttori, di cui 2,374 produttori classificati.
Sistema di valutazione Fonti d'acquisto Campioni per la degustazione Palinsesto editoriale

Eventi nelle tue vicinanze