wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

Regioni

Descrizioni dettagliate di tutte le denominazioni d'Europa con vitigni, tradizioni e disciplinari di produzione.

Zone di produzione in Vinho verde 4 growing regions

Descrizione di Vinho verde

La zona DOC portoghese per i vini rossi e bianchi era già definita per legge nel 1908. L'enorme area copre 60.000 ettari di vigneti nei distretti di Braga, Porto e Viana do Castelo. Si estende per 130 chilometri di lunghezza e 70 chilometri di larghezza nel nord-ovest del Portogallo tra il fiume Douro e il fiume Minho, che forma il confine con la Spagna. L'intera area è anche classificata come zona IGP Minho per i vini di campagna. Il clima fresco e, con una media di 2000 mm di pioggia all'anno, molto piovoso, è molto influenzato dal vicino Oceano Atlantico. La zona è divisa nelle sei sottozone Amarante, Basto, Braga, Lima, Moncáo (considerata la migliore) e Penafiel, che differiscono per i vitigni coltivati. Tuttavia, la sottozona di solito non è indicata sull'etichetta della bottiglia. Le viti sono formate in un sistema di fogliame simile alla pergola. Circa un quarto del vino portoghese è prodotto qui. Tuttavia, circa il 60% è prodotto come semplici vini alla spina non imbottigliati che assomigliano al sidro torbido. I vigneti sono coltivati da circa 30.000 viticoltori con vigneti molto piccoli, spesso a titolo secondario.

Vinho Verde - Weinberge bei Monção

Vinho Verde significa "vino verde", che non si riferisce al colore (ci sono varianti in bianco, rosato e rosso), ma al gusto fresco, al paesaggio verde e al fatto che il vino è fatto con uve ancora verdi. Il clima fresco, il forma di allevamento e i vitigni speciali producono mosto con poco zucchero e un alto contenuto di acido malico. Le uve, che sono piuttosto acerbe a causa della raccolta precoce, sono fermentate solo brevemente. In passato, questo era seguito dalla fermentazione malolattica, ma oggi si aggiunge di solito l'acido carbonico. Il risultato è un vino ricco di acidità, fresco e frizzante. Un'annata appare piuttosto raramente. La maggior parte dei vini hanno solo da 9 a 10% di alcol in volume e dovrebbero essere bevuti giovani. A causa della sua freschezza e della bassa gradazione alcolica, il Vinho Verde è chiamato "vino estivo". Solo i vini Alvarinho della Moncáo possono avere più dell'11,5%, tutti gli altri sono dichiarati solo come IGP o VR (Vinho Regional) Minho.

Dall'adattamento alle linee guida dell'UE all'inizio degli anni 90, metà dei vini prodotti sono rossi e metà bianchi. Si fa una distinzione tra i vitigni raccomandati e quelli autorizzati; circa 35 sono ammessi. Per i vini rossi scuri, acidi ed estremamente astringenti, le varietà raccomandate sono Azal Tinto (Amaral), Borraçal, Brancelho (Alvarelhão), Espadeiro, Padeiro de Basto, Pedral, Rabo de Ovelha e Vinhão. Difficilmente vengono esportati. I vini bianchi hanno un colore da giallo paglierino a giallo limone. I Vinho Verdes "più genuini" sono i vini secchi con un sapore forte. Le varietà bianche raccomandate sono Alvarinho, Azal Branco, Avesso, Batoca, Loureiro, Pedernã(Arinto) e Trajadura. Le migliori qualità sono quelle dell'Alvarinho e del Loureiro, che vengono prodotti anche come varietà singole. Produttori noti sono Casa de Sezim, Casa de Vilacetinho, Casa de Vila Verde, Mendes, Ponte de Lima, Palacio de Brejoeira, Sogrape (Gazela, Morgadio de Torre, Quinta Avelada, Quinta Azevedo), Quinta do Ameal, Quinta da Franqueira, Quinta de Liaxa e Quinta do Tamariz.

Immagine: di Alejandro Piñero Amerio su Pixabay

In questa sezione trovi
attualmente 157,948 Vini e 24,572 produttori, di cui 2,634 produttori classificati.
Sistema di valutazione Find+Buy Campioni per la degustazione Palinsesto editoriale

Eventi nelle tue vicinanze