wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

Descrizione di Turchia

La Repubblica di Turchia (Türkiye in turco), con la sua capitale Ankara, si estende per 783.562 km². Si estende tra i due continenti, Asia ed Europa. La parte asiatica, l'Anatolia, costituisce il 97% del Paese, quella europea, la Tracia orientale, nell'estremo nord-ovest del Paese, solo il 3%, dove si trova la parte principale di Istanbul. Lo Stato confina con la Grecia e la Bulgaria a nord-ovest, con la Georgia, l'Armenia e l'Azerbaigian a nord-est, con l'Iran a est e con l'Iraq e la Siria a sud-est. L'isola di Cipro, politicamente divisa, con la Repubblica di Cipro e la Repubblica turca di Cipro del Nord, non riconosciuta a livello internazionale, si trova a 70 chilometri dalla costa meridionale. Le isole greche di Chios, Kos, Symi e Rodi si trovano vicino alla terraferma turca a ovest. La Turchia è divisa geograficamente in sette aree o regioni.

Türkei - Landkarte

La storia

Il Paese ha un'antica tradizione vitivinicola, in quanto già dal IV millennio a.C. esistevano vigneti coltivati in Anatolia, nella regione della Transcaucasia (considerata la culla della cultura del vino con la Mesopotamia e con la quale si sovrappone in larga misura) e sulla costa del Mar Caspio. Durante gli scavi nella città di Catal Hüyük, costruita nel VII millennio a.C., sono state trovate raffigurazioni che suggeriscono che il vino veniva prodotto già a quell'epoca. Un antenato del vitigno Kalecik Karasi sarebbe stato conosciuto dagli Ittiti già nel 1.500 a.C., secondo un'ipotesi ovviamente non verificabile. Secondo le ultime ricerche, l'origine della vite coltivata e della viticoltura potrebbe trovarsi nell'Anatolia sud-orientale. Vicino al confine con l'Armenia si trova il famoso Monte Ararat, dove, secondo la Bibbia, Noè sbarcò con la sua arca dopo il Diluvio e "divenne un viticoltore", anche se questo non deve essere preso come "prova".

La viticoltura in epoca moderna

L'islamizzazione del Paese e la relativa proibizione dell'alcol hanno portato alla prima svolta nella viticoltura nell'VIII secolo. Durante il periodo ottomano (1300-1920), solo le minoranze cristiane come i greci e gli armeni potevano produrre vino, soggetto a tasse elevate. Nel periodo Tanzimat, la viticoltura fu ripresa a partire dalla metà del XIX secolo e le esportazioni salirono a 30 milioni di litri all'anno all'inizio del XX secolo a causa della catastrofe della fillossera in Europa e della conseguente carenza di vino. Dopo la cessione di vaste aree alla Grecia, tra l'altro, in occasione della pace di Losanna del 1923 e l'abbandono della maggior parte della minoranza greca, importante per la viticoltura, il paese subì un nuovo declino.

Dal 1925, la nuova repubblica guidata dal leader politico di orientamento liberale Mustafa Kemal Atatürk (1881-1938) tentò di rivitalizzare la viticoltura. Conosciuto come un amante del vino, lo statista aprì la strada alle aziende vinicole private approvando leggi appropriate. Nel 1926, Nihat A. Kutman (+1850) fondò a Istanbul l'azienda vinicola "Maison Vinicole" (poi commercializzata come Doluca). Il successivo fu Mehmet Cenap And ad Ankara nel 1929, che chiamò la sua attività Kavaklidere (Valle del Pioppo).

Vigneti e varietà d'uva

Le aree vinicole più importanti si trovano nella regione dell'Egeo, nella parte occidentale del Paese, dove il clima è più umido rispetto all'interno secco e dove si producono i due terzi del vino. Si tratta della parte europea della Turchia con le regioni di Marmaris e della Tracia (Bilecik, Canakkale, Edirne, Kirklareli, Tekirdag), nonché della costa egea dell'Anatolia (Denizli, Izmir, Manisa). Aree più piccole si trovano sul Mar Nero (Corum, Kastamonu, Samsun, Tokat), nell'Anatolia centrale (Kirikkale, Kirsehir, Nevsehir, Nigde), nell'Anatolia orientale (Elazig) e nell'Anatolia sud-orientale (Diyarbakir, Gaziantep, Mardin, Sanliurfa).

Nel 2022, i vigneti coprivano 410.000 ettari di vigne, ma il volume di produzione di vino era di soli 622.000 ettolitri. Con circa tre quarti del raccolto di uva, la Turchia è il maggior produttore mondiale di uva da tavola e il secondo produttore di uva sultanina. Entrambi sono prodotti in gran parte dalla varietà Sultana (Sultaniye). I prodotti tradizionali a base di uva sono lo sciroppo d'uva simile al miele Pekmes e il succo d'uva fermentato Hardaliye. Esistono molte centinaia di varietà di uva autoctone, molte delle quali non sono riconosciute ufficialmente. La percentuale di varietà celtiche, decisamente esigua, copre solo circa 14.000 ettari di vigneti. I 42 principali vitigni (statistiche Kym Anderson):

Vitigno

Colore

Sinonimi o nome in Turchia

ettari

Sultana bianco Kishmish, Sultaniye 2.461
Öküzgözü rosso Kara Erik 1.601
Syrah rosso 1.439
Boğazkere rosso Bogazkarasi, Saraplik Siyah 1.436
Çalkarasi rosso Çal Karasi 806
Narince bianco Güzül Üzüm, Kazova, Narance 787
Kalecik Karasi rosso Kara Kalecik 704
Dimrit rosso Dimlit, Dimrit Kara, Dirmit Kara 704
Alicante Henri Bouschet rosso - 532
Sémillon bianco - 529
Cabernet Sauvignon rosso - 476
Cinsaut rosso - 430
Merlot rosso - 415
Gamay rosso - 228
Papazkarasi rosso Papaska Neagra, Papaskara, Papaskarasi 204
Chardonnay bianco - 177
Sauvignon Blanc bianco - 153
Mazuelo rosso Carignan 130
Moscato bianco / Moscato bianco Beyaz Misket 129
Adakarasi rosso Adakarassy, Avsa Adasi, Erdek 89
Emiro bianco Aküzüm 89
Cabernet Franc rosso - 37
Garnacha Tinta rosso Grenache Noir 33
Culla rosso Côt, Malbec 21
Petit Verdot rosso - 19
Sangiovese rosso - 18
Viognier bianco - 15
Pinot nero rosso - 10
Monastrell rosso Mataro, Mourvèdre 7
Tempranillo rosso - 6
Beylerce bianco Beylace, Beyleri, Bilecik ?
Çavuş bianco Caus Beli, Tchaouch, Tsaousi ?
Karalahna rosso Kara Lahna, Lahna Kara ?
Karasakiz rosso Kara Sakiz, Karakiz, Karassakyz ?
Hasandede Beyazi bianco Ahmet Bey, Azeri, Hasandede ?
Hasandede Siyahi rosso Hasandede, Hasandede Noir ?
Horozkarasi rosso Horoz Karasi, Khorozkarassi, Kilis Karasi ?
Kabarcik Beyaz bianco Beyaz Kabarcik, Kabarcik, Sari Kabarcik ?
Köhnü rosso - ?
Kösetevek rosso - ?
Vasilaki bianco Altintas, Anadolu Yapincagi ?
Yapincak bianco Erkek Yapincak, Kinali Yapincak, Yapakak ?

Produttori

La multi Mey Icki Sanay (ex società statale Tekel) produce e distribuisce la maggior parte di Superalcolici e dei vini (di proprietà di Diageo dal 2011). Altre aziende di produzione sono Diren, Doluca, Karmen, Taskobirlik e Kavaklidere. I vini di marca più noti sono i rossi Buzbag, Villa Neva e Yakut e i bianchi Cankaya, Thrakya (Sémillon) e Villa Doluca (Sultaniye e Sémillon). La bevanda alcolica più importante, tuttavia, è il raki, ottenuto da uve essiccate (quasi esclusivamente dal Tekel) a cui viene aggiunto l 'anice. Il consumo annuo pro capite di vino è inferiore a un litro. Si stanno compiendo grandi sforzi per raggiungere gli standard qualitativi occidentali.

Mappa della Turchia: © Goruma
Fonte 1° paragrafo: WIKIPEDIA Turchia

In questa sezione trovi
attualmente 166,263 Vini e 25,052 produttori, di cui 3,226 produttori classificati.
Sistema di valutazione find+buy Campioni per la degustazione Palinsesto editoriale

Eventi nelle tue vicinanze

PREMIUM PARTNER