wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

Regioni

Descrizioni dettagliate di tutte le denominazioni d'Europa con vitigni, tradizioni e disciplinari di produzione.

Descrizione di Turchia

Il paese ha un'antica tradizione vinicola, dato che i vigneti coltivati esistevano almeno dal IV millennio a.C. in Anatolia, nella regione transcaucasica (che, insieme alla Mesopotamia, è considerata la culla della cultura del vino) e sulla costa del Mar Caspio. Durante gli scavi nella città di Catal Hüyük, costruita nel 7° millennio prima di Cristo, sono state trovate rappresentazioni che suggeriscono che il vino veniva prodotto già a quel tempo. Secondo un'ipotesi che non può essere verificata, gli Ittiti avrebbero conosciuto un antenato del vitigno Kalecik Karasi già nel ~1.500 a.C. Vicino al confine con l'Armenia, c'è la famosa montagna Ararat, dove, secondo la storia della Bibbia, Noè sbarcò con la sua arca dopo il diluvio e "divenne un viticoltore". Secondo le ultime ricerche, l'origine della vite coltivata o la cultura della viticoltura si suppone essere nel sud-est dell'Anatolia.

Türkei - Karte mit Berg Ararat

A causa dell'islamizzazione del paese e la relativa proibizione dell'alcool, la prima rottura avvenne nell'VIII secolo. Nel periodo ottomano (1300-1920), solo le minoranze cristiane come i greci e gli armeni erano autorizzati a produrre vino con tasse elevate. Nel periodo di Tanzimat, la viticoltura fu ripresa dalla metà del XIX secolo e le esportazioni aumentarono - a causa della catastrofe della fillossera in Europa - fino a 30 milioni di litri all'anno all'inizio del XX secolo. Dopo la pace di Losanna nel 1923, grandi aree di terra dovettero essere cedute alla Grecia, tra gli altri, e la maggior parte della minoranza greca, che era importante per la viticoltura, lasciò il paese, ci fu un nuovo declino.

A partire dal 1925, la nuova repubblica sotto il leader politico liberale Mustafa Kemal Atatürk (1881-1938) cercò di far rivivere la viticoltura. Lo statista, noto come amante del vino, ha aperto la strada alle cantine private. Nel 1926, Nihat A. Kutman fondò la "Maison Vinicole" (poi Doluca) a Istanbul. Il prossimo fu Mehmet Cenap And ad Ankara nel 1929, che chiamò il suo business Kavaklidere (Poplar Valley). Le zone viticole più importanti si trovano nella regione dell'Egeo, nell'ovest del paese, dove prevale un clima più umido che nell'interno secco e si producono due terzi del vino.

Questa è la parte europea della Turchia con le regioni di Marmaris e Tracia (Bilecik, Canakkale, Edirne, Kirklareli, Tekirdag), così come la costa egea dell'Anatolia (Denizli, Izmir, Manisa). Aree più piccole si trovano sul Mar Nero (Corum, Kastamonu, Samsun, Tokat), nell'Anatolia centrale (Kirikkale, Kirsehir, Nevsehir, Nigde), nell'Anatolia orientale (Elazig) e nell'Anatolia sudorientale (Diyarbakir, Gaziantep, Mardin, Sanliurfa). Nel 2012, la superficie totale dei vigneti di 497.000 ettari ha portato al quinto posto nel mondo dietro la Cina, ma solo 546.000 ettolitri di vino sono stati prodotti da questa zona (vedi anche sotto i volumi di produzione del vino).

La Turchia è il più grande produttore mondiale di uva da tavola, con circa tre quarti del raccolto d'uva, e il secondo produttore di uva passa. Entrambi sono in gran parte prodotti dalla varietà Sultana (Sultaniye). I prodotti tradizionali fatti dall'uva includono lo sciroppo d'uva simile al miele pekmes e il succo d'uva fermentato hardaliye. Ci sono molte centinaia di vitigni autoctoni, molti dei quali non sono ufficialmente registrati. L'elenco dei vitigni comprende le varietà celtiche con la quota sorprendentemente piccola di soli 13.000 ettari:

Varietà d'uva Colore Sinonimi o nome in Turchia Ettaro
Sultana bianco Kishmish, Sultaniye 1.750
Öküzgözü rosso Kara Erik 1.479
Syrah rosso 1.367
Boğazkere rosso Bogazkarasi, Saraplik Siyah 1.106
Dimrit rosso Dimlit, Dimrit Kara, Dirmit Kara 863
Kalecik Karasi rosso Kara Kalecik 861
Narince bianco Güzül Üzüm, Kazova, Narance 769
Emir bianco Aküzüm 688
Çalkarasi rosso Çal Karasi 625
Sémillon bianco - 547
Cinsaut rosso - 500
Alicante Henri Bouschet rosso - 488
Cabernet Sauvignon rosso - 391
Merlot rosso - 355
Gamay rosso - 206
Papazkarasi rosso Papaska Neagra, Papaskara, Papaskarasi 175
Sauvignon Blanc bianco - 146
Chardonnay bianco - 142
Moscato bianco / Moscato bianco Beyaz Misket 114
Mazuelo rosso Carignan 84
Adakarasi rosso Adakarassy, Avsa Adasi, Erdek 69
Karalahna rosso Kara Lahna, Lahna Kara 43
Karasakiz rosso Kara Sakiz, Karakiz, Karassakyz 43
Garnacha Tinta rosso Grenache Noir 33
Çavuş bianco Caus Beli, Tchaouch, Tsaousi 30
Cabernet Franc rosso - 23
Viognier bianco - 16
Culla rosso Côt, Malbec 13
Petit Verdot rosso - 10
Sangiovese rosso - 9
Tempranillo rosso - 9
Monastrell rosso Mataro, Mourvèdre 4
Vasilaki bianco Altintas, Anadolu Yapincagi 4
Pinot Nero rosso - 3
Riesling bianco - 3
Beylerce bianco Beylace, Beyleri, Bilecik ?
Hasandede Beyazi bianco Ahmet Bey, Azero, Hasandede ?
Hasandede Siyahi rosso Hasandede, Hasandede Noir ?
Horozkarasi rosso Horoz Karasi, Khorozkarassi, Kilis Karasi ?
Kabarcik Beyaz bianco Beyaz Kabarcik, Kabarcik, Sari Kabarcik ?
Köhnü rosso - ?
Kösetevek rosso - ?
Yapincak bianco Erkek Yapincak, Kinali Yapincak, Yapakak ?


La multi Mey Icki Sanay (ex azienda statale Tekel) produce o distribuisce gran parte dei liquori e dei vini (dal 2011 di proprietà di Diageo). Altre compagnie di produzione includono Diren, Doluca, Karmen, Taskobirlik e Kavaklidere produce. I vini di marca più famosi includono i vini rossi Buzbag, Villa Neva e Yakut e i vini bianchi Cankaya, Thrakya (Sémillon) e Villa Doluca (Sultaniye e Sémillon). La bevanda alcolica più importante, tuttavia, è il raki, fatto con uva secca (quasi esclusivamente di Tekel), a cui si aggiunge l'anice. Il consumo annuale pro capite di vino è inferiore a un litro. Si stanno facendo grandi sforzi per raggiungere gli standard di qualità occidentali.

In questa sezione trovi
attualmente 149,015 Vini e 23,337 produttori, di cui 2,237 produttori classificati.
Sistema di valutazione Fonti d'acquisto Campioni per la degustazione

Eventi nelle tue vicinanze