wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

Spiacente, nessuna mappa regionale disponibile per Saint-Emillion AOC
Saint-Emillion AOC

Descrizione di Saint-Emillion AOC

La zona vinicola francese si trova a est della regione di Bordeaux e, insieme a Pomerol, costituisce l'area centrale della Rive droite (riva destra) degli estuari della Gironda e della Dordogna. Prende il nome dalla cittadina di circa 2.000 abitanti, che si trova sulle pendici di una collina che domina la valle della Dordogna e prende il nome dal santo monaco benedettino Émilion (Aemilianus). Secondo la leggenda, egli visse qui nel VII secolo nella foresta di Combes in una grotta, che oggi si trova nel parco di Château Laniote. Saint-Émilion è anche una tappa del Cammino di Santiago di Compostela. È una delle regioni vitivinicole più antiche della Francia, dato che i Romani vi piantarono le prime viti.

Bordeaux - Karte

Terreno, clima e vitigni

Nel 1999, Saint-Émilion è stata la prima area vinicola al mondo a essere dichiarata Patrimonio dell'Umanità dall'UNESCO. Oltre a Saint-Émilion, l'area di dieci chilometri per cinque comprende i comuni di Saint-Christophe-des-Bardes, Saint-Hippolyte, Saint-Étienne-de-Lisse, Saint-Laurent-des-Combes, Saint-Pey-d'Armens, Saint-Sulpice-de-Faleyrens, Vignonet e in parte Libourne. I quattro comuni di Lussac, Montagne, Puisseguin e Saint-Georges, separati dal piccolo corso d'acqua di Barbanne, sono denominazioni indipendenti che possono riportare in etichetta il nome del luogo con l'aggiunta Saint-Émilion.

Saint-Émilion - Weinberge

Il clima è più continentale e non marittimo come nel Médoc a ovest, con maggiori escursioni termiche. I vigneti si trovano tra i 25 e i 100 metri sul livello del mare. La regione è caratterizzata da una varietà di tipi di suolo, spesso anche all'interno dei singoli châteaux. Sono suddivisi grossomodo in quattro zone: Plateau (formazioni calcaree con argilla-calcarea o argilla sabbiosa), Côtes (simili, ma con diversa inclinazione e orientamento dei pendii ), Graves (ghiaia e ghiaia grossa) e Sables (ghiaia alluvionale). Questi terreni producono anche diversi tipi di vino.

I vigneti si estendono per circa 5.500 ettari, coltivati da oltre 1.000 viticoltori. Si producono soprattutto vini rossi e solo questi hanno lo status di denominazione. I vini pieni e corposi, dalla consistenza setosa, sono prodotti dalla varietà dominante Merlot, che qui copre circa il 60% della superficie vitata, oltre a Cabernet Franc (qui Bouchet) con proporzioni di Cabernet Sauvignon, Cot (qui Malbec, Pressac) e Carmenère (anche Carbouet); i vitigni tipici della Rive droite. Sono comuni i lunghi periodi di macerazione e l'affinamento in barrique in botti di rovere francese per lo più nuove. Sono più morbidi, più fruttati e meno tannici di quelli del Médoc.

Classificazione Saint-Émilion Grand Cru Classé

A differenza dell'unica classificazione bordolese del 1855 (solo per i vini della riva sinistra della Garonna), questa viene rivista ogni dieci anni. I criteri sono stati costantemente adattati dalla sua introduzione, ma alcuni valori di base hanno sempre fatto parte della valutazione. Si tratta della qualità delle ultime dieci annate, della reputazione del vino, del prezzo di mercato raggiunto e della qualità del terroir e dei metodi di gestione dei vigneti. Nel 2022 sono stati aggiunti gli aspetti della gestione sostenibile e della presenza sui social media. Le cantine che desiderano partecipare alla valutazione possono candidarsi per il "Grand Cru Classé" o per i due livelli "Grand Cru Classé" e "Premier Grand Cru Classé".

La classificazione si applica esclusivamente al Grand Vin (primo vino) dell'azienda e vale solo per una parte definita dei vigneti. Tutti gli altri vini, come i secondi vini o i vini bianchi, devono avere una denominazione diversa dal primo vino come nome principale sull'etichetta. In rari casi, un'azienda può avere due primi vini, ciascuno con un nome diverso (ad esempio Château Faugères). Rispetto alla semplice AOC Saint-Émilion, i requisiti sono più severi. La resa è limitata a un massimo di 8.000 kg/ha o 55 hl/ha (invece di 9.000 kg/ha o 65 hl/ha). Il peso del mosto delle uve (eccetto il Merlot) deve essere di almeno 189 g/l di zucchero (invece di 180 g/l). Il contenuto alcolico deve essere di almeno 11,5% (anziché 11%) in volume. Il vino deve essere conservato per almeno 14 mesi prima di essere commercializzato.

Il vino viene valutato da una giuria di degustatori esperti mediante una degustazione alla cieca con un sistema a 20 punti. Sono richiesti almeno 14 punti per il Grand Cru Classé e almeno 16 punti per il Premier Grand Cru Classé. Ogni vino con almeno 16 punti viene proposto per la classificazione "Premier Grand Cru Classé". Il numero totale di cantine classificate è limitato a un massimo di 90. I vini non più classificati o classificati in modo diverso mantengono la classificazione delle annate precedenti. Finora sono state assegnate classificazioni nel 1955 (75 vini), 1969 (84 vini), 1986 (74 vini), 1996 (68 vini), 2006 (61 vini), 2012 (82 vini) e 2022 (85 vini). Esistono i seguenti tre livelli di qualità:

  • Grand Cru Classé
  • Premier Grand Cru Classé B
  • Premier Grand Cru Classé A (equivalente in qualità agli Châteaux Premier Cru Classé del Médoc).

Classificazione 2006

Dopo la classificazione del 2006, ci sono state proteste da parte delle aziende vinicole declassate. Le quattro declassate Château Cadet-Bon, Château Guadet, Château La Marzelle e Château La Tour-du-Pin-Figeac hanno presentato una protesta o una contestazione del risultato presso il tribunale amministrativo di Bordeaux (a parte Château La Tour-du-Pin-Figeac, le altre tre sono state riclassificate nel 2012). Dopo l'esame, il tribunale ha ritenuto che fosse gravemente scorretto degustare prima i vini delle aziende già classificate e poi gli altri separatamente. Di conseguenza, si è verificato un confuso tira e molla.

Dapprima è stata annullata la classificazione del 2006 ed è stata messa in vigore quella del 1996, poi questa è stata nuovamente respinta ed è stata confermata la classificazione del 2006 di otto châteaux, poi è stata nuovamente respinta e infine è stata presa una decisione "definitiva" il 13 maggio 2009. La classificazione del 1996 era ora nuovamente valida. Tuttavia, in una nota a piè di pagina si precisa che gli otto châteaux rivalutati nel 2006 (6 Grand Cru Classé e 2 Premier Grand Cru Classé B) possono mantenere il loro nuovo rango.

Classificazione 2012

La classificazione è stata effettuata sotto la supervisione dell'INAO da una giuria di sette degustatori professionisti. Per garantire l'indipendenza, non erano presenti membri del Syndicat di Saint-Émilion o del commercio vinicolo di Bordeaux, ma esperti provenienti dalle regioni di Borgogna, Champagne, Loira, Provenza e Rodano. In totale sono state classificate 82 aziende vinicole (18 Premiers Grands Crus e 64 Grands Crus). 2 nuove aziende hanno ricevuto il massimo riconoscimento, 4 nuove aziende hanno ricevuto il premio Premier Grand Cru Classés B e 9 nuove aziende Grand Cru.

Nel 2013, la classificazione è stata invalidata più volte a causa di errori e violazioni del regolamento. Alcune aziende vinicole si sono lamentate perché Hubert de Boüard (il proprietario di Château Angélus) era il presidente della commissione di classificazione e quindi, secondo loro, era di parte. Boüard è stato condannato a una multa.

Classificazione 2022

Un totale di 144 aziende vinicole ha partecipato alla candidatura. Il risultato è stato pubblicato dall'INAO l'8 settembre 2022 con 85 cantine classificate (14 Premiers Grands Crus e 71 Grands Crus). Le aziende vinicole Château Angélus, Château Ausone, Château Cheval Blanc e Château La Clotte hanno annunciato che questa volta non si sarebbero candidate. Esse hanno criticato il fatto che nella valutazione sia stato dato troppo spazio agli aspetti turistici e alle reti sociali, mentre gli aspetti "primari" come il terroir, la valutazione dei vini, la qualità dei vini e la coltivazione sono stati presi troppo poco in considerazione. Di conseguenza, tre cantine del livello più alto Premier Grand Cru Classé A del 2012 hanno volontariamente abbandonato la classificazione.

Non è stata presentata alcuna domanda nemmeno per Château Quinault l'Enclos, mentre Château Croque-Michotte e Château La Gaffelière si sono ritirati in anticipo. Le aziende vinicole Château Croix de Labrie, Château Tour Saint-Christophe e Château Rocheyron hanno protestato per non essere state prese in considerazione. Le prime due hanno vinto il ricorso presso il Tribunale amministrativo di Bordeaux, mentre il ricorso dell'ultima tenuta non è stato accolto.

Premier Grand Cru di classe A (2)

Premier Grand Cru Classé B (12)

Grand Cru Classé (71)

Altre informazioni

In Francia esiste una sconcertante varietà di sistemi di classificazione dei vini, delle cantine e delle denominazioni. Ciò avviene anche all'interno di una stessa regione, in particolare a Bordeaux. Oltre a Saint-Émilion, ci sono quelli di Graves, Médoc e Sauternes. In Borgogna esiste un sistema coerente. Si veda anche la voce Grand Cru e sistema di qualità.

Mappa: di Domenico-de-ga da Wikipedia, CC BY-SA 3.0, Link
Vigneti: Tripadvisor
Fonte del testo 2022: WIKIPEDIA Saint-Émilion

In questa sezione trovi
attualmente 166,264 Vini e 25,053 produttori, di cui 3,233 produttori classificati.
Sistema di valutazione find+buy Campioni per la degustazione Palinsesto editoriale

Eventi nelle tue vicinanze

PREMIUM PARTNER