wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

Regioni

Descrizioni dettagliate di tutte le denominazioni d'Europa con vitigni, tradizioni e disciplinari di produzione.

Descrizione di Grecia

La storia della viticoltura greca iniziò, per così dire, con un flirt tra il dio supremo Zeus e la bella Seméle (figlia di Harmonia, dea dell'armonia), che portò alla nascita di Dioniso, il dio del vino, della gioia, dell'uva, della fertilità e dell'estasi. L'antica Grecia o, in base ai ritrovamenti archeologici, soprattutto l'isola di Creta, è considerata una delle "culle della cultura europea del vino". Il vino era già coltivato nella cultura micenea nel XVI secolo a.C. (Micene = Peloponneso nord-orientale), come indicato dalle anfore che sono state trovate.

Griechenland - Szene aus Platons Symposion und Amphore 500 v. Chr.

Il vino era una parte importante della cultura del bere della vita quotidiana. Questo si è espresso anche nei simposi, una festa del bere accompagnata da conversazioni spiritose, battute, canzoni, musica, giochi e spettacoli. Il dipinto mostra la famosa opera "Symposion" di Platone (428/427-348/347 a.C.) con, tra gli altri, i partecipanti Aristofane (450-380 a.C.) e Socrate (470-399 a.C.). I greci furono anche tra i primi ad attribuire grande importanza al vino come bene di valore. Nell'Iliade, Omero (8° secolo a.C.) riporta già il vino come bevanda preferita dagli eroi che descrive. Lo storico Esiodo (~750-680 a.C.), il filosofo Aristotele (384-322 a.C.), il naturalista Teofrasto (370-287 a.C.) e il medico Galeno (129-216) si occuparono anche di vino e viticoltura.

Durante le loro campagne di colonizzazione nel Mediterraneo, i greci portarono la loro cultura della vite e del vino in Sicilia, nell'Italia meridionale conosciuta come Oinotria, nella Francia meridionale e nel Mar Nero. Molti metodi furono adottati dai Celti e dai Romani. Il poeta romano Vergil descriveva la diversità dei vitigni: "Sarebbe più facile contare i granelli di sabbia in Grecia che i diversi vitigni" Il famoso porto di Monemvasia nella penisola del Peloponneso era un punto di trasbordo molto usato per i vini dolci dell'Egeo nel tardo Medioevo sotto il dominio di Venezia, che venivano spediti da qui a molti paesi d'Europa. Dal 15° alla metà del 19° secolo, gli ottomani governarono il paese, durante il quale il vino perse la sua importanza a causa del divieto musulmano dell'alcol, continuando solo su scala relativamente piccola nella maggior parte delle isole. Pertanto, alcune conoscenze sono state conservate.

Fu solo molto tempo dopo che il paese ottenne l'indipendenza nel 1830 e l'influenza turca fu respinta che la gente in Grecia cominciò di nuovo ad occuparsi professionalmente della viticoltura come fattore economico e riattivò numerosi vigneti con grandi spese. Tra i pionieri c'erano anche alcuni tedeschi, come Gustav Clauss, che nel 1861 fondò la grande cantina Achaia Clauss, che esiste ancora oggi. Alla fine del XIX secolo, l'area coltivata a vite era raddoppiata, ma quando la fillossera raggiunse finalmente la Grecia nel 1898, molto fu nuovamente rovinato. La ricostruzione fu relativamente lenta, perché nel frattempo anche la domanda di vino greco era diminuita bruscamente. La viticoltura greca ha conosciuto una rinascita solo con la fine della dittatura militare nel 1974 e l'adesione della Grecia all'Unione europea nel 1981.

Clima e suolo

Nonostante il suo carattere fortemente marittimo, la Grecia ha un contenuto montuoso molto elevato. I suoli di roccia calcarea, granitica e vulcanica e il clima mediterraneo prevalente con inverni brevi, umidi e miti ed estati calde e secche hanno un effetto favorevole sulla viticoltura. Gli autunni spesso secchi producono per lo più uve completamente mature con relativamente poca acidità. La maggior parte delle zone vinicole si trova vicino alla costa, con brezze marine moderate. Per dare più struttura ai vini, i vigneti sono deliberatamente piantati ad altezze elevate. Le viti possono accumulare più estratto e raggiungere livelli di acidità più alti a causa del ciclo vegetativo prolungato. Un altro metodo efficace per rallentare la maturazione completa è quello di piantare deliberatamente i vigneti su pendii esposti a nord.

Regioni e aree di crescita

La viticoltura è praticata, spesso su piccola scala e su pochi ettari, in tutta la Grecia sulla terraferma e anche in tutte le isole maggiori. Le denominazioni (POP, ex OPAP e OPE) sono segnate in rosso:

Griechenland - Landkarte

Egeo (con le Cicladi)

Epiro

Isole Ionie

Creta

Macedonia

Peloponneso

Tessaglia

Tracia

Grecia centrale

Elenco delle varietà di uva

Nel 2014, la superficie vitata ha coperto 110.000 ettari. Di questi, sono stati prodotti 2,8 milioni di ettolitri di vino (vedi anche alla voce volumi di produzione del vino). Ci sono circa 300 vitigni autoctoni diversi, che rappresentano l'85% della superficie. Solo in pochi casi sono ammesse varietà straniere nei vini di qualità. Si producono anche grandi quantità di uva da tavola e uva sultanina; la varietà più importante per questo è la Korinthiaki. Ancora oggi, la viticoltura è caratterizzata da sapori originali. Circa il 60% sono vini bianchi ad alta gradazione. Il 90% dei vini sono vinificati secchi. La tabella dei vitigni nel 2016 con i primi 50 (statistiche Kym Anderson):

Varietà d'uva

Colore

Sinonimi / Nome greco

Ettaro

Savatiano bianco Aspro, Dobraina Aspri, Kountoura Aspri 10.268
Roditis bianco/rosa Alepou Roditis, Arilogos Roditis, Kanellato 8.463
Agiorgitiko rosso Aghiorghitico, Aghiorgitiko, Mavro Nemeas 3.270
Liatiko rosso Aleatiko 2.633
Moscato d'Amburgo rosso Moschato Amvourgou, Moschato Tyrnavou 2.288
Xinomavro rosso Mavro Naoussis, Pipoliko, Xinogaltso 2.135
Cabernet Sauvignon rosso - 1.929
Assyrtiko bianco Assirtico, Assyrtico, Asyrtico 1.770
Mavrouda rosso - 1.658
Moscato bianco / Moscato bianco Moschato Aspro, Moschoudi 1.568
Merlot rosso - 1.393
Kotsifali rosso Kotrifali, Kotsiphali, Kotzifali 1.338
Romeiko rosso Loïssima, Romeïco, Romeiko Mavro 1.131
Moschofilero bianco/rosa Fileri, Moschophilero 1.088
Syrah rosso Shiraz 1.042
Mandilaria rosso Amorghiano, Dombrena Mavri, Kontoura 932
Roditis Kokkinos bianco Rodites Kokkinos 828
Muscat d'Alexandrie bianco Apostoliatiko, Moschato Alexandrias 773
Sauvignon Blanc bianco - 727
Chardonnay bianco - 673
Vilana bianco Velana 650
Athiri Aspro bianco Athiri, Athiri Lefko 577
Mavrodaphne rosso Mavrodafni 324
Fokiano rosso Fokiana, Fokiano Kokkino 212
Trebbiano Toscano bianco - 211
Limnio rosso Mavro Limnio 176
Robola bianco Robola Aspri 152
Malagousia bianco Malagouzia 126
Asprouda bianco Asproudi 120
Garnacha Roja bianco Grenache Gris 114
Moschomavro rosso Moschato Mavro, Moschogaltso, Xinogaltso 113
Monemvasia bianco Monemvassia 81
Alicante Henri Bouschet rosso - 60
Vertzami rosso Lefkada, Lefkas 60
Kakotrygis bianco Kako Tryghi 28
Thrapsathiri bianco Bechleri, Begleri, Beghleri, Dafnato 27
Pamid rosso Pamidi, Pamitis 23
Tempranillo rosso - 22
Goustolidi bianco Augoustelidi 19
Negoska rosso Mavro Goumenissas, Negkoska 17
Debina bianco Dempina, Ntempina, Zitsa 14
Sémillon bianco - 11
Cabernet Franc rosso - 10
Dimyat bianco Yapalaki, Zoumiatiko 6
Asirtiko Red rosso - 5
Refosco dal Peduncolo Rosso rosso - 5
Krassato rosso Krasata, Krasato 5
Cinsaut rosso - 4
Riesling bianco - 1
Mazuelo rosso - 1
Verdeca bianco Lagarthi, Lagoyrthia 0,3
Silvaner bianco - 0,3
Stavroto rosso Ampelakiotiko, Ampelakiotiko Mavro 0,2

Legge sul vino

Seguendo il modello francese, le denominazioni d'origine controllata per le migliori zone di coltivazione sono state introdotte dal Ministero dell'Agricoltura nel 1972: Rese massime per ettaro, vitigni specifici con preferenza per le varietà autoctone, peso minimo dei mosti, norme di invecchiamento e test sensoriali. L'arricchimento del mosto con zucchero è permesso, ma può aumentare la gradazione alcolica di un massimo di 2,5% vol. Il dolcificante può essere aggiunto prima e durante la fermentazione fino a un massimo del 25% dello zucchero del mosto. Anche l'acidificazione è permessa ed è spesso praticata a causa delle uve piuttosto poco acide. I controlli sono esercitati dal KEPO (Comitato centrale per la protezione della produzione del vino).

Categorie di vino / livelli di qualità

Nell'agosto 2009, il regolamento del mercato del vino dell'UE è diventato valido per tutti i paesi membri con cambiamenti fondamentali alle denominazioni del vino e ai livelli di qualità (vedi anche sotto Sistema di qualità). I termini tradizionali OPAP, OPE e OKP possono ancora essere usati alternativamente, ma la maggior parte dei viticoltori usa il nuovo termine POP:

Oinos / Οίνος

Vini senza una denominazione d'origine più stretta. Questo livello di qualità più basso riguarda per lo più miscele provenienti da diverse regioni di coltivazione.

PGE (Prostatevomenis Geografikis Endixis
ΠΓΈ(Προστατευόμενης Γεωγραφικής Ένδειξης)

Vino di campagna a indicazione geografica protetta. Ci sono circa 80 zone vinicole territoriali, che possono coprire un'intera regione, un distretto o un'area comunale. Una zona molto conosciuta è Agioritikos sulla "Montagna Sacra" di Athos (Chalkidikí).

POP (Prostatevomenis Onomasías Proelefsis)
ΠOΠ(Προστατευόμενης Ονομασίας Προέλευσης)

Vino di qualità a denominazione d'origine protetta. In alternativa, sono ammesse anche le vecchie denominazioni OPAP, OPE, OKP.

OPAP (Onomasia Proelefséos Anotéras Piótitos)
ΟΠΑΠ(Ονομασία Προελεύσεως Ανωτέρας Ποιότητος)

Per questi vini di qualità con "denominazione d'origine superiore", sono prescritti la resa massima, la gradazione minima, il tempo di maturazione in botte e in bottiglia, ecc. I vini OPAP sono stati marcati con una banderuola rossa fino alla vendemmia 2015.

OPE (Onomasia Proelefséos Eleghoméni)
ΟΠΕ(Ονομασία Προελεύσεως Ελεγχόμενη)

Questi vini di qualità a "denominazione d'origine controllata" sono soggetti alle stesse condizioni dei vini OPAP. Inoltre, però, ci sono requisiti più elevati per quanto riguarda il contenuto di zucchero. I vini dolci delle zone storiche di Cefallonia, Limnos, Patrasso, Rodi e Samos sono così dichiarati. Si tratta di "vini dolci naturali" fortificati con spirito di vino o di "vini dolci naturali" pressati da uve appassite, che corrispondono a un Trockenbeerenauslese. I vini OPE sono stati etichettati con una banderuola blu fino alla vendemmia 2015.

OKP (Onomasía Katá Parádosi = Denominazione tradizionale)
ΟκΠ(Ονομασία κατά παράδοση)

Un predicato speciale per i vini d'origine protetta fatti con metodi di pressatura tradizionali. Ce ne sono solo due, Retsina e Verdea prodotte sull'isola di Zante.

Kava (Cava)

Il termine per un vino di alta qualità che è stato conservato per un lungo periodo di tempo. I vini bianchi devono essere conservati per due anni (di cui almeno 6 mesi in botte e sei mesi in bottiglia), i vini rossi per tre anni (di cui almeno 6 mesi in rovere nuovo o 1 anno in rovere usato e 2 anni in bottiglia).

Riserva (Epilegmenos) e Grande Riserva (Idika Epilegmenos)

Ammesso solo per i vini di qualità (OPAP e OPE). La riserva si applica ai vini bianchi con due anni (a. 6 mesi in botte e 6 mesi in bottiglia) e ai vini rossi con tre anni di invecchiamento (stesso minimo). Grande Reserve si applica ai vini bianchi con almeno tre anni di invecchiamento (1 anno in botte e 1 anno in bottiglia) e ai vini rossi con almeno quattro anni di invecchiamento (2 anni in botte e 2 anni in bottiglia).

Produttori

La preferenza per il vino resinoso, in primo luogo il Retsina con circa il 10% della produzione di vino, è una tradizione greca antica. I vini dolci da dessert, alcuni dei quali fortificati, sono prodotti in quasi tutte le isole dell'Egeo, il più noto è Samos dell'isola omonima. Altrettanto noti sono il brandy ouzo all'anice e il Metaxa, un brandy aromatizzato con una miscela segreta di erbe (compresi i petali di rosa). Importanti produttori sono Achaia Clauss, Biblia Chora, Boutari, Calligas, Cambas, Domaine Carras, Gaia, Hatzimichalis, Katsaros, Kechri, Kourtakis, Malamatina, Mercouri, Oenoforos, Papaïoannou, Parparoussis, Pavlidis, Skouras, Spiropoulos, Tsantali e Tselepos. Altri sono elencati sotto le aree.

Simbolo: Deur Anselm Feuerbach - Google Art Project, Publieke domein, Skakel
Anfora: da Andokides pittore - Pubblico dominio, Link
Mappa della Grecia: di Pitichinaccio - opera propria, CC BY 3.0, Link
a cura di Norbert F. J. Tischelmayer 2/2018

In questa sezione trovi
attualmente 149,015 Vini e 23,337 produttori, di cui 2,236 produttori classificati.
Sistema di valutazione Fonti d'acquisto Campioni per la degustazione

Eventi nelle tue vicinanze