wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

Spiacente, nessuna mappa regionale disponibile per Franciacorta DOCG
Franciacorta DOCG

Descrizione di Franciacorta DOCG

Zona DOCG per lo spumante nella regione italiana Lombardia. La classificazione è stata fatta nel 1995. I vini fermi non classificati sono stati prima raggruppati nella zona DOC Terre di Franciacorta, che è stata poi rinominata Curtefranca per evitare la frequente confusione con la zona DOCG. La zona, che è identica per superficie a quella di Curtefranca, con circa 2.800 ettari di vigneti, copre interamente i comuni di Adro, Capriolo, Cellatica, Corte Franca, Erbusco, Gussago, Iseo, Monticelli Brusati, Ome, Paderno Franciacorta, Paratico, Passirano, Provaglio d'Iseo e Rodengo-Saiano, oltre a parti di Brescia, Cazzago San Martino, Coccaglio, Cologne e Rovato, al margine meridionale del Lago d'Iseo in provincia di Brescia. Il nome deriva dal termine latino "francae curtes" per l'esenzione fiscale dei monasteri e dei conventi del luogo. A causa dell'eccellente vino spumante, la zona è anche chiamata lo "Champagne d'Italia". La sua fama fu fondata dal giovane enologo Franco Ziliani, che aveva imparato alla casa di champagne Moët et Chandon. Nel 1961, ha iniziato a produrre spumante come maestro cantiniere presso la cantina Guido Berlucchi e presto ha fatto scalpore per la sua qualità. Seguirono molte cantine, oggi ce ne sono un centinaio.

Franciacorta - Berlucchi Weinberge

Lo spumante è stato il primo spumante in Italia classificato come DOCG, prodotto esclusivamente con metodo classico (cioè con fermentazione in bottiglia). Ne esistono tre varianti. Il Franciacorta è fatto con Chardonnay e/o Pinot Nero (Pinot Nero), così come un massimo del 50% di Pinot Bianco (Pinot Bianco). Deve essere invecchiato sui suoi lieviti per almeno 18 mesi. Il Franciacorta Rosé deve contenere almeno il 25% di Pinot Nero. Dal 2017, un massimo del 10% della varietà autoctona Erbamat può essere utilizzato anche qui. Deve essere invecchiato sui suoi lieviti per 24 mesi. Per la produzione del Franciacorta Satèn (espressione dialettale per "vellutato" o "setoso", già Crémant), il Pinot Noir non è ammesso. Deve anche essere invecchiato sui suoi lieviti per 24 mesi. Per tutti e tre i vini, la gradazione alcolica deve essere di almeno 11,5% vol.

C'è un Millesimato di tutti e tre i tipi. È fatto con uve di alta qualità di annate speciali (almeno l'85% di un'annata). Deve maturare sui lieviti per almeno 30 mesi. Di tutti e tre i vini è disponibile anche una Riserva di più lunga stagionatura. Questi devono invecchiare sul lievito per 60 mesi. Il Satén è prodotto solo in "brut", gli altri due nei gusti dosaggio zero, extra brut, brut ed extra dry.

Tra i produttori più noti della Franciacorta ci sono Al Rocol, Antica Fratta, Bellavista, Berlucchi, Bersi Serlini, Ca' del Bosco, Castellino, Cavalleri, Cornaleto, Faccoli, Gatti, Lantieri de Paratico, Marchiopolo, Monte Rossa, La Montina, Barone Pizzini, Plozza, Uberti, Villa Franciacorta e Vezzoli.

Immagine: © Raffaella Usai

In questa sezione trovi
attualmente 166,157 Vini e 25,047 produttori, di cui 3,226 produttori classificati.
Sistema di valutazione find+buy Campioni per la degustazione Palinsesto editoriale

Eventi nelle tue vicinanze

PREMIUM PARTNER