wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

Regioni

Descrizioni dettagliate di tutte le denominazioni d'Europa con vitigni, tradizioni e disciplinari di produzione.

Spiacente, nessuna mappa regionale disponibile per D.O. Navarra
D.O. Navarra

Descrizione di D.O. Navarra

Nel 905, il re Sancho I fondò il suo regno di Navarra (Nafarroa in basco) con Pamplona come capitale. Nel suo periodo d'oro sotto Sancho III. (990-1035) arrivò su entrambi i lati dei Pirenei da Barcellona a Bordeaux. I primi abitanti furono i baschi, le cui influenze si sentono ancora oggi. Il conte di Champagne Thibaut I ereditò il regno nel 1234, dopo di che fu amministrato da diverse linee dirigenti francesi. Nel 1512 la maggior parte dell'Alta Navarra a sud dei Pirenei fu annessa da Ferdinando II d'Aragona e divenne così spagnola. Il figlio della regina di Navarra Giovanna salì al trono francese come re Enrico IV (1553-1610) nel 1589 e incorporò la parte settentrionale al Regno di Francia nel 1607. La zona ha una tradizione vinicola molto antica. Un'antica cantina romana con una capacità di circa 75.000 litri è stata trovata vicino al villaggio di Funes.

Nell'XI secolo, il famoso percorso di pellegrinaggio "Camino de Santiago" (verso Santiago de Compostela in Galizia) passava per Pamplona. I pellegrini gustavano lungo la strada i vini dell'ovest confinante con Rioja e Navarra e si sviluppò così anche una vivace esportazione di vini spagnoli fino alla Normandia. Già nel XV secolo Navarra era famosa per i suoi vini rosati (Rosados). Dopo la scoperta dell'America nel 1492, la zona ha vissuto un grande boom del vino. Le navi dirette al Nuovo Mondo erano cariche di vino della Navarra. Alla fine del XIX secolo, la fillossera distrusse quasi il 100% degli allora 50.000 ettari e furono completamente ripiantati. Nel 1911 fu fondata in Navarra una delle prime cooperative di viticoltori spagnoli. L'istituto di ricerca EVENA ha giocato un ruolo importante nella ripresa della viticoltura.

Oggi la regione Navarra, con diritti speciali e autonomi nel nord-est della Spagna, con 17.300 ettari di vigneti, forma anche la sua enorme zona DO. Esiste anche un regolamento DO per il famoso liquore di prugnole Pacharán. Geograficamente, la grande area è divisa nelle cinque sub-aree di Tierra Estelba e Valdizarbe al nord, Baja Montaña e Ribera Alta a nord dell'Ebro al centro, e Ribera Baja al sud, la zona più grande con una quota del 30%. Ci sono quattro zone definite come Vino de Pago: Finca Bolandín, Pago de Arínzano, Pago de Otazu e Prado de Irache. Una piccola parte della regione a ovest appartiene alla zona DO Rioja.

I vini rossi sono prodotti al 60% e i vini rosati al 30%. Le varietà più importanti sono Garnacha Tinta (40% della superficie totale), Tempranillo, Cabernet Sauvignon, Graciano, Mazuela (Mazuelo), Pinot Noir e Merlot. Per i vini bianchi, le varietà utilizzate sono Viura (Macabeo), Garnacha Blanca, Malvasía (Planta Nova), Chardonnay e Moscatel Menudo (Muscat Blanc). Ci sono più di 6.000 produttori di vino, ma solo circa 100 bodegas (imbottigliatori). I produttori più noti sono Artazu, Asensio, Cirbonera, Guelbenzu, Inurrieta, Julián Chivite, Ochoa, Palacio de la Vega, Princípe de Viana, Telmo Rodríguez, Vicente Malumbres, Viña Aliaga e Virgen Blanca.

In questa sezione trovi
attualmente 157,948 Vini e 24,569 produttori, di cui 2,634 produttori classificati.
Sistema di valutazione Find+Buy Campioni per la degustazione Palinsesto editoriale

Eventi nelle tue vicinanze