wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

Regioni

Descrizioni dettagliate di tutte le denominazioni d'Europa con vitigni, tradizioni e disciplinari di produzione.

Zone di produzione in Cipro 4 growing regions

Descrizione di Cipro

L'isola nel Mar Mediterraneo orientale forma politicamente la Repubblica di Cipro, che secondo il diritto internazionale comprende l'intera isola con 9.251 km². De facto, però, consiste solo nella parte meridionale più grande con 5.384 km², perché il nord più piccolo con 3.355 km² forma il regime (non riconosciuto da molti stati) della Repubblica Turca di Cipro. Due basi militari britanniche con 255 km² di superficie sono sotto il controllo dell'Inghilterra come residuo dell'epoca coloniale. La distanza dalla costa sud della Turchia è solo circa 70, dalla costa est dell'isola greca di Rodi quasi 400 e dalla terraferma della Grecia anche più di 800 km. La viticoltura risale al 3° millennio a.C. Secondo la mitologia, il dio greco del vino Dioniso preferiva i vini dell'isola per le sue feste alcoliche. L'Afrodite nata dalla schiuma è emersa dal mare alla "Roccia Romana" ed è scesa a terra vicino alla penisola di Akamas. I Fenici e i Greci stabilirono la tradizione dei vini dolci nei tempi antichi. I mosaici pavimentali con motivi vinicoli nella città portuale di Paphos, sulla costa sud-ovest, testimoniano questa antica cultura vinicola.

Dopo la terza crociata, l'isola divenne proprietà dell'Ordine di San Giovanni nel 1191, poi dell'Ordine dei Templari e, dopo la loro dissoluzione nel 1312, di nuovo dei Cavalieri di San Giovanni. L'ordine ha gestito le cosiddette commende (tenute con vigneti). La loro sede era il castello Kolossi, ancora esistente, chiamato "Grande Commenda", che ha dato il nome alla famosa zona vinicola e al leggendario vino dolce Commandaria. A quel tempo, questo ambitissimo vino veniva fornito a molte case regnanti europee. Nel periodo dal 1489 al 1571 Cipro apparteneva alla Repubblica di Venezia. Il dominio ottomano dal 1571 al 1878 e la relativa proibizione dell'alcool causarono un declino totale della cultura del vino. Sotto l'amministrazione britannica dal 1878 al 1960 ci fu di nuovo una ripresa. La Commandaria e i vini simili, precedentemente noti come "Cyprus Sherry", si sono sviluppati in corridori da esportazione.

Gobelet - Buscherziehung in Limassol auf Zypern

Clima, suolo e vitigni

Dall'inizio degli anni 1990 in poi, i giovani discendenti istruiti di famiglie di lunga data e alcuni investitori hanno reinventato la viticoltura cipriota, per così dire. Questa nuova generazione ha rotto i vecchi miti e ha cominciato a combinare la tradizione e lo stile di vita mediorientale con il dinamismo occidentale. Un certo numero di cantine moderne e ben attrezzate sono state costruite nei villaggi delle montagne di Troodos. I piccoli vigneti formano un perfetto ecosistema vinicolo nella sterile macchia, in gran parte senza irrigazione artificiale o pesticidi chimici. La fillossera non ha mai raggiunto l'isola, ed è per questo che le viti radicano non innestate nel terreno. Fu solo negli anni '70 che le varietà europee furono introdotte a Cipro.

I vigneti sono in gran parte situati nel sud-ovest dell'isola ai piedi dei monti Troodos a 250 - 1.500 metri sul livello del mare, il che li rende alcuni dei vigneti più alti d'Europa. Pitsilia e la metà settentrionale di Commandaria hanno suoli vulcanici, mentre le altre zone sono principalmente calcaree. Il clima è tipicamente mediterraneo, con inverni miti ed estati calde e scarse precipitazioni. I vigneti coprono circa 8.000 ettari, dai quali vengono prodotti circa 100.000 ettolitri di vino. Molti sono coltivati nel tradizionale stile a cespuglio (gobelet) mostrato nella foto sopra. Tuttavia, si producono anche uva da tavola e uva passa. I ciprioti non erano grandi bevitori di vino in passato, consumando soprattutto birra, lo spirito di vinaccia zivania e l'ouzo. Tuttavia, c'è un'inversione di tendenza a favore del vino. Nel 2016, solo le prime due varietà sono state segnalate. Tuttavia, nella tabella dei vitigni, tutte le varietà sono incluse con i volumi del 2010, che sono stati molto inclusi quest'anno (Kym Anderson):

Varietà d'uva Colore Sinonimi o nome cipriota Ettaro
Mavro rosso Cypro Nero, Mavro Kyro, Staphili Mavro 3.187
Xynisteri bianco - 1.946
Mazuelo rosso Carignan Noir 481
Sultana bianco Sultaniye 371
Cabernet Sauvignon rosso - 369
Syrah rosso Shiraz 244
Cabernet Franc rosso - 203
Monastrell rosso Mataro, Mourvèdre 172
Maratheftiko rosso - 152
Ofthalmo rosso - 141
Chardonnay bianco - 128
Muscat d'Alexandrie bianco - 120
Vertzami rosso Lefkada 96
Garnacha Tinta rosso Grenache Noir 84
Merlot rosso - 63
Spourtiko bianco Spourtico 10
Bastartiko bianco - ?
Canella bianco Canella ?
Flouriko rosso - ?
Maroucho rosso - ?
Michalias bianco - ?
Morocanella bianco Morocanella ?
Omoio rosso - ?
Promara bianco Lycopromon ?
Yiannoudi rosso Yiannoudhi ?

Legge sul vino e regioni vinicole

Solo dopo l'adesione di Cipro all'UE è stato introdotto un modello di classificazione basato sull'origine e sul modello francese, che è entrato in vigore nel 2006. Cinque zone sono definite per i vini OEOP con denominazione d'origine (OEOP = Oinos Eleghomenis Onomasias Proelefsis). Questi vini devono provenire da vigneti che sono più alti di 600 metri sul livello del mare. Devono essere fatti con l'85% di varietà locali come Xynisteri (bianco), così come Maratheftiko, Mavro o Ophthalmo (tutti rossi). Inoltre, la quota della varietà Mavro può arrivare a un massimo del 60 o 70%, a seconda della regione di coltivazione. La vinificazione e l'imbottigliamento devono avvenire nelle zone OEOP. La denominazione d'origine dei vini di campagna corrisponde alla suddivisione politica con i quattro distretti Larnaka, Limassol, Nicosia e Paphos. Qui, i viticoltori sono liberi di designare i propri vini, soprattutto per quanto riguarda l'uso di vitigni internazionali. Le cinque aree OEOP sono:

CommandariaL'area comprende 14 comuni ai piedi delle montagne Troodos a nord di Limassol. È stato il primo ad essere definito nel 1980.

Krasohoria Lemesou: L'area comprende 20 comuni ai piedi delle montagne Troodos a nord di Limassol. Due sotto-aree sono Afames e Laona.

Laona Akamas: La zona comprende sei comuni sulla costa a nord-ovest a nord di Paphos. La mitica penisola di Akamas è una zona protetta per la sua flora speciale.

Pitsilia: L'area più grande comprende 32 villaggi sul bordo orientale delle montagne Troodos sopra Commandaria ed è anche conosciuta per i suoi alberi da frutto e la coltivazione di rose.

Vouni Panayia Ambelitis: L'area doppia si trova nella parte centro-occidentale dell'isola sul bordo occidentale dei monti Troodos a nord-est di Paphos.

Produttori

Il grosso della produzione è rappresentato dalle quattro grandi compagnie Etko, Keo, Loel e Sodap, con sede intorno a Limassol nel sud dell'isola. Questi producono principalmente per l'esportazione, soprattutto vino per la lavorazione industriale (ad esempio sangria e vermouth), concentrato di mosto d'uva o RTK (ad esempio per British Wine) e vini fortificati. Queste aziende possiedono anche un certo numero di cantine regionali. Le oltre 50 cantine private producono solo circa il 15% del volume (e in aumento) con standard di qualità sempre più elevati. Questi includono Aes Ambelis, Amforeas (Kolios), Ampelokipeftiki, Antoniades, Ayia Mavri, Bolita, Chrisorogiatissa, Constantinou Distillery, Costas N. Erimoudes, Ezousa, Fikardos, Gaia, Hadjiantonas, Harma, Krelan, Kyperounta, Kykkos Monastero, Lagria, Linos, Menardos, Nelion, Nicolaides, Nikolettino, Vouni Panayias, Shoufas, Tsalapatis, Tsangarides, Tsiakkas, Vardalis, Vasa, Vasilikon, Vlassides, Yiaskouris, Zambartas, Zenon.

Immagine: Cantina Zambartas - Limassol

In questa sezione trovi
attualmente 148,982 Vini e 23,337 produttori, di cui 2,237 produttori classificati.
Sistema di valutazione Fonti d'acquisto Campioni per la degustazione

Eventi nelle tue vicinanze