wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

Regioni

Descrizioni dettagliate di tutte le denominazioni d'Europa con vitigni, tradizioni e disciplinari di produzione.

Spiacente, nessuna mappa regionale disponibile per Chablis AOC
Chablis AOC

Descrizione di Chablis AOC

La denominazione, che prende il nome dall'omonima città e classificata nel 1938, è situata a nord e delimitata dalla regione vinicola della Borgogna in quella che è conosciuta come Basse-Bourgogne nel dipartimento dell'Yonne. A sud-ovest di esso si trova la zona di Saint-Bris, che era inclusa prima del regolamento di denominazione. Chablis è separato dalla Côte d'Or dalle montagne del Morvan ed è molto più vicino alla Champagne rispetto alle altre zone della Borgogna. I romani coltivavano la vite qui già nel II secolo e più tardi gli ordini monastici della chiesa presero in mano la coltivazione. L'abbazia cistercense di Pontigny, i cui monaci si dice abbiano introdotto qui lo Chardonnay, ha guadagnato un merito particolare. Un tempo, questa era la più grande area vinicola della Francia, con 40.000 ettari che circondavano la città di Auxerre. Le difficoltà di vendita e i danni causati dalla fillossera portarono a passare ad altri prodotti agricoli.

Inoltre, la zona era ed è estremamente vulnerabile alla grandine e al gelo fino a maggio, motivo per cui interi raccolti sono stati distrutti più volte. Tutto ciò ha contribuito al fatto che a metà degli anni '50 solo 500 ettari erano coltivati. Dall'inizio degli anni '60, sono stati fatti dei tentativi per combattere con successo il pericolo del gelo con varie misure. Molto efficace è l'installazione di forni a olio nei filari, il cui calore è distribuito nel vigneto con mulini a vento. Inoltre, le viti vengono spruzzate con acqua, e la pellicola di ghiaccio che ne risulta forma una copertura protettiva intorno ai giovani germogli. Oggi, ci sono ancora circa 4.500 ettari di vigne a Chablis e altri 19 comuni.

Il vino giallo pallido con una lucentezza verdognola è fatto dal vitigno Chardonnay puro (qui chiamato Beaunoise) ed è vinificato a secco. Ha un tipico aroma minerale di selce (francese: "goût de pierre à fusil") e ha un sapore dolce e fruttato nonostante la sua forte acidità, che è dovuta al terreno argilloso e calcareo predominante. Tradizionalmente, il vino viene maturato in cisterne di cemento o serbatoi di acciaio inox con successivo trasferimento nelle tradizionali botti di rovere di grandi dimensioni, ma ci sono anche molti produttori che preferiscono la maturazione in barrique. La maggior parte dei vini oggi subisce la fermentazione malolattica. Un ottimo vino Chablis ha un enorme potenziale di invecchiamento fino a diversi decenni.

Gerarchia della qualità a quattro livelli

La gerarchia della qualità corrisponde al sistema di classificazione a quattro livelli della Borgogna (al contrario di Bordeaux) che si applica in tutta la regione. Oltre alle denominazioni d'origine Chablis, i viticoltori sono liberi di commercializzare i loro vini sotto le denominazioni regionali della Borgogna. Anche altri vitigni sono ammessi a questo scopo.

Karte von Chablis - Appellationen

Chablis Grand Cru

Questa denominazione di punta copre circa 100 ettari in sette siti di punta su un pendio esposto a sud a nord della città di Chablis. Questi sono Blanchot (12 ha), considerato il migliore, così come Bougros (12 ha), Grenouilles, Les Clos (27 ha), Les Preuses (11 ha), Valmur (13 ha) e Vaudésir (14 ha). Un altro vigneto chiamato La Moutonne non è elencato come Grand Cru, ma è autorizzato a mostrare la denominazione sull'etichetta perché 2,3 ettari di esso si trovano nei due siti Vaudésir e Les Preuses. Il limite di rendimento è un massimo di 45 hl/ha. Questi vini rappresentano solo il 5% della produzione di Chablis.

Chablis - Grand Cru Lagen Les Preuses, Vaudésir, Les Grenouilles, Valmur, Les Clos und Blanchot

Premier Cru

Questi vini possono portare sull'etichetta il nome di uno dei 40 vigneti individuali o il nome di un cosiddetto gruppo di vigneti. Prevalentemente quest'ultimo è usato, questi sono (tra parentesi i vigneti che sono autorizzati ad usare il termine collettivo): Côte de Jouan, Côte de Léchet, Côte de Vaubarousse, Beuaroy (Troesmes, Côte de Savant), Berdiot, Chaume de Talvat, Fourchame (Côte de Fontenay, L'Homme Mort, Vaulorent, Vaupulent), Les Fourneaux (Côte des Prés-Girots, Morein), Les Beauregard (Côte de Cuissy), Les Landes et Verjuts, Mont de Milieu, Montée de Tonnere (Chapelot, Côte de Bréchain, Pied d'Aloup), Montmains (Butteaux, Forets), Vaillons (Beugnons, Chatains, Les Epinottes, Les Lys, Mélinots, Roncières, Sécher), Vaucoupin, Vau de Vey (Vaux Ragons, Vau Ligneau e Vosgros (Vaugiraut). Il limite di resa è di 50 hl/ha. La superficie totale è di 750 ettari in 15 comuni (non il comune di Chablis stesso) e fornisce circa il 30% della produzione.

Chablis

Questa denominazione copre una superficie molto grande con circa 2.300 ettari di vigne. Nessun vigneto può essere menzionato sull'etichetta. Anche qui il limite di resa è di 50 hl/ha. Questi vini rappresentano circa il 60% della produzione. Nelle buone annate, questo può essere un eccellente, classico Chablis.

Petit Chablis

Questa denominazione copre 1.800 ettari di vigneti nei terreni e nei siti più poveri intorno a Chablis, ma solo una piccola parte di questi viene utilizzata. Anche il limite di resa è di 50 hl/ha. Ci sono sforzi per cambiare il nome un po' banalizzante o per abbandonare del tutto questa classe.

Produttori

Produttori noti con siti Grand Cru e/o Premier Cru nella denominazione Chablis includono Barat, Bichot (Domaine Long-Depaquit), Billaud-Simon, Pascal Bouchard, La Chablisienne, Michel Cobois, Jean Collet, Jean Dauvissat, René & Vincent Dauvissat, Jean Defaix, Jean-Paul Droin, Joseph Drouhin, Gérard Duplessis, Domaine Marcel Duplessis, William Fèvre Domaine de la Maladière, Château Grenouilles, Jean-Pierre Grossot, Michel Laroche, Domaine des Malandes, Domaine des Maronniers, Domaine de Meulière, J. Moreau & Fils (Boisset), Sylvain Mosnier, Gilbert Picq, Domaine Pinson, Jean-Marie Ravenau, Guy Robin, Philippe Testut, Jean-Marie Raveneau, Château de Viviers, Robert Vocoret & Fils e Domaine Vocret.

Siti Grand Cru: di CocktailSteward - Opera propria, CC BY 3.0, Link
Mappa: di DalGobboM¿!i? - Opera propria, GFDL, Link

In questa sezione trovi
attualmente 157,108 Vini e 24,522 produttori, di cui 2,597 produttori classificati.
Sistema di valutazione Find+Buy Campioni per la degustazione Palinsesto editoriale

Eventi nelle tue vicinanze