wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

Descrizione di Bulgaria

La Repubblica di Bulgaria (in bulgaro: България), situata nell'Europa sud-orientale, con capitale Sofia, si estende per 110.994 km². Occupa la maggior parte della penisola balcanica orientale e confina a nord con la Romania, a ovest con la Serbia e la Macedonia settentrionale, a sud con la Grecia e la Turchia e a est con il Mar Nero. Lo Stato è diviso in 28 province.

Bulgarien - Landkarte, Flagge und Wappen

La storia

La Bulgaria è uno dei Paesi con la più antica tradizione vitivinicola d'Europa. Sulla base di reperti archeologici e di testi tradizionali, le origini sul territorio dell'attuale Stato indicano un inizio già 5.000 anni fa. Le tribù tracie a nord e a sud dei Monti Balcani coltivavano la vite selvatica e praticavano un culto pronunciato in onore del dio del vino Dioniso. Ai Traci si attribuisce la coltivazione dei più antichi vitigni bulgari e dei loro antenati, come Mavrud, Pamid, Dimyat, Melnik (Shiroka Melnishka) e Gamza (Kadarka). All'epoca dell'Impero Romano, il vino della Tracia era un'esportazione ricercata in Grecia, Sicilia, Asia Minore (Anatolia, Turchia) ed Egitto.

La viticoltura raggiunse il suo apice nel Medioevo grazie ai monasteri con i loro estesi vigneti. Nel 1393, l'Impero bulgaro fu conquistato dagli Ottomani e rimase sotto il dominio islamico per 500 anni, fino al 1878. Era consentita solo la produzione di uva da tavola. La proibizione dell'alcol ha messo in serio pericolo la viticoltura. Il fatto che una legge sul vino sia stata approvata subito dopo il dominio ottomano, nel 1879, ancor prima dell'approvazione di una costituzione, dimostra quanto la viticoltura fosse considerata importante dallo Stato. Tuttavia, la viticoltura fu ripresa su scala più ampia solo dopo la Prima Guerra Mondiale e fu praticata esclusivamente da piccoli viticoltori con varietà autoctone.

La viticoltura nell'era moderna

Dopo la Seconda Guerra Mondiale, la produzione di vino è stata gradualmente industrializzata durante gli anni del socialismo. È stato introdotto un sistema collettivo, sono state fondate scuole di viticoltura e sono stati piantati vitigni europei. Negli anni '60, la Bulgaria si è trasformata in un importante Paese esportatore di vino. Fino agli anni '60, le maggiori quantità di vino erano prodotte con varietà tradizionali. I serbatoi di fermentazione a temperatura controllata erano l'eccezione piuttosto che la regola. Con l'orientamento all'esportazione di settore del vino, la percentuale di varietà nazionali è aumentata. Questo, insieme all'introduzione dell'alta formazione della vite e di una più moderna tecnologia di cantina, ha portato a grandi successi nelle esportazioni.

Il cambiamento politico del 1989 ha portato a un ripensamento. Nel 1990, il monopolio viticolo statale VINPROM fu sciolto e la maggior parte delle aziende fu privatizzata. I nuovi proprietari, molti dei quali non avevano alcuna conoscenza della viticoltura, ne furono sorpresi. A partire dal 2000, tuttavia, la situazione ha iniziato a migliorare. Da allora si è puntato sulla qualità piuttosto che sulla quantità. Sono nate molte aziende vinicole a conduzione familiare. Inoltre, le eccellenti condizioni della viticoltura hanno attirato in Bulgaria molti investitori stranieri. L'adesione all'UE nel 2007 ha aperto buone prospettive di vendita sul mercato europeo. La contemporanea perdita di altri mercati (Russia, Nord Africa) ha aumentato la qualità del vino.

Regioni vinicole

Esistono cinque regioni vinicole, indicate a colori sulla mappa, suddivise in sottoregioni. Le condizioni climatiche e pedologiche offrono ottime condizioni per la viticoltura. Il Paese si trova al centro della penisola balcanica, alla stessa latitudine della Toscana in Italia e di Bordeaux in Francia, tra la fascia climatica temperata continentale e quella mediterranea. Le varie formazioni montuose, come il Pirin, i Rodopi e soprattutto la catena montuosa dei Balcani che attraversa tutto il Paese in direzione est-ovest, proteggono il Paese dalle influenze climatiche dell'Egeo e dell'Adriatico. Le influenze umide dell'Atlantico giocano il ruolo principale nel determinare il clima. I vigneti si trovano sui numerosi contrafforti montuosi, nelle valli laterali e nelle pianure degli innumerevoli corsi d'acqua.

Dunavska Ravnina (Pianura del Danubio) - Nord

Il paesaggio dolcemente ondulato tra il Danubio e i Monti Balcani è attraversato da numerosi fiumi. Le zone vinicole sono Biala, Dve Mogili, Ljaskovetz, Lom, Magura, Nikopol, Novo Selo, Orjahovo, Pavlikeni, Pleven, Rousse, Suhindol, Svischtov e Vidin. La regione è nota per i suoi vini rossi, da dessert e spumanti.

Chernomorski Rayon (regione del Mar Nero) - Est

La regione confina con il Danubio e la Romania a nord e con la costa del Mar Nero a ovest. L'area comprende le unità geografiche della pianura di Dobrudja e delle colline di Ludogorie a nord fino alle montagne di Strandja a sud. Le zone di coltivazione sono Burgas, Euxinograd, Kableshkovo, Kavarna, Khan Krum, Novi Pazar, Pomorie, Preslav, Razgrad, Shumen, Silistra, Targovishte e Varn. Da qui provengono i migliori vini bianchi bulgari.

Rozova Dolina (Valle delle Rose o regione dei Bassi Balcani) - Centro

La regione (versante meridionale dei Monti Balcani) si estende a est su tutte le propaggini pianeggianti dei Monti Balcani e della Sredna Gora nelle vicinanze delle città di Karlovo, Karnobat, Nikolaevo, Schivatchevo, Slaviantzi, Sliven Straldja e Sungurlare. La regione è nota per i suoi vini bianchi da dessert e i suoi distillati d'uva (Elenovo, Straldja, Karnobat, Sungurlare).

Trakijska Nizina (Valle della Tracia) - Sud

La regione si estende nelle pianure della Tracia al confine con la Turchia, a sud delle catene balcaniche e delle basse montagne, nelle grandi valli dei fiumi Maritsa e Tundsha. A sud-est è delimitata dai contrafforti dei Monti Sakar. Il clima è temperato continentale. Le zone di coltivazione si trovano intorno ai comuni di Assenovgrad, Brestovitza, Brezovo, Elhovo, Harmanli, Haskovo, Ivaylovgrad, Jambol, Ljubimetz, Nova Zagora, Ognjanovo, Orjahovitza, Parvomay, Pazardjik, Perushtiza, Peshtera, Plovdiv, Saedinenie, Septemvri, Sliven, Stambolovo, Stara Zagora e Tchirpan. Qui si coltivano il 70% di varietà di vino rosso e il 30% di varietà di vino bianco. La regione è nota per i suoi vini bianchi e rosati frizzanti.

Dolinata na Struma (Valle della Struma) - sud-ovest

La regione si trova nella stretta valle del fiume Struma, al confine con la Grecia e la Macedonia settentrionale. È particolarmente nota per i suoi vini rossi delle varietà Shiroka Melnishka (Melnik) e Ranna Melnishka Loza (Melnik a maturazione precoce). Le regioni di coltivazione sono Blagoevgrad, Boboschevo, Damjanitza, Gotze Deltchev, Harsovo, Kapatovo, Kresna, Kulata, Levunovo, Melnik, Petrich, Sandanski, Smotchevo e Vinogradi. Qui si coltivano principalmente varietà di vino rosso su circa il 75% della superficie.

Indice delle varietà d'uva

Nel 2022, i vigneti coprivano 65.261 ettari di vigneto e il volume di produzione di vino era di 747.000 ettolitri. All'inizio degli anni 2000, i vigneti coprivano ancora circa 150.000 ettari. Dopo l'adesione all'Unione Europea nel 2007, sono state attuate ampie misure di estirpazione. I vini rossi rappresentano circa due terzi e i vini bianchi un terzo. L'elenco dei vitigni con i primi 18 (statistiche Kym Anderson):

Vitigno Colore Sinonimi o nomi bulgari ettari
Merlot rosso - 10.050
Cabernet Sauvignon rosso - 9.327
Pamid rosso Plovdina, Roșioar 6.874
Rkatsiteli bianco Rkaziteli 5.415
Misket Cherven bianco Misket Cherven, Misket Rozov 4.349
Moscato Ottonel bianco Moscato Ottonel, Misket 3.679
Chardonnay bianco - 3.087
Dimyat bianco Dymiat, Misket Slivenski, Smederevka 2.998
Shiroka Melnishka rosso Melnik, Shiroka Melnishka Loza 1.205
Mavrud rosso Mavroudi, Mavroudi Voulgarias 1.193
Kadarka rosso Gamza, Gumza, Gymza 1.161
Syrah rosso - 804
Trebbiano toscano bianco - 738
Sauvignon Blanc bianco - 637
Gewürztraminer bianco Mala Dinka 591
Pinot nero rosso - 342
Aligoté bianco - 285
Cabernet Franc rosso - 240

Legge sul vino

Nell'agosto 2009 è entrato in vigore per tutti gli Stati membri dell'UE il regolamento sul mercato del vino, che ha apportato modifiche fondamentali alle denominazioni e ai livelli di qualità dei vini. Dal 2012, la Bulgaria ha le seguenti nuove denominazioni e livelli di qualità (si veda anche la sezione Sistema di qualità):

Vino = vino

Vini senza denominazione d'origine. Devono avere una gradazione alcolica naturale di almeno 7,5% vol.

IGP (Indicazione Geografica Protetta) = vino regionale

Vino di campagna con indicazione geografica protetta. La vecchia denominazione RV (Regionalno Vino) non è più in uso. Esistono due zone di vini di campagna IGP Pianura del Danubio (Bulgaria settentrionale) e IGP Valle della Tracia (Bulgaria meridionale).

DOP (Denominazione di Origine Protetta) = vino di qualità

Un vino di qualità con una denominazione di origine protetta. Le vecchie denominazioni GNP (Garantirano Naimenovanie sa Proischod = Garantito) e GKNP (Garantirano i Kontrolirano Naimenovanie sa Proischod = Garantito e Controllato) non sono più in uso. I vini di qualità, invece, possono provenire solo da alcune regioni certificate. Le loro caratteristiche particolari sono quindi sempre attribuibili al vigneto e alla regione specifici. I vini di qualità sono anche ulteriormente classificati (vedi sotto). Esistono circa 50 aree DOP.

Denominazioni di qualità complementari

Le denominazioni di qualità complementari forniscono informazioni sulla maturazione delle uve, sul tipo di vinificazione e sul periodo di maturazione.

  • IGP: Premium (1 vitigno della regione di produzione), Riserva (1 anno) e barrique (invecchiamento in barrique).
  • DOP: Premium (1 vitigno della regione di coltivazione), Premium barrique (prima vendemmia), Riserva (1 anno), Riserva speciale (1 vitigno, 2 anni), Selezione speciale (1 vitigno, 3 anni), Collezione (1 vitigno, 4 anni), vino liquoroso (fino a 15% vol.) e vino ottenuto da uve surmature o botritizzate.

I produttori

Tra i produttori più noti in Bulgaria figurano Assenovgrad, Belvedere Group (Domaine Katerina, Domaine Menarda Stara Zagora, Sakar, Oriachovitza), Bessa Valley, Black Sea Gold, Domaine Boyar (Blueridge, Korten), Burgas, Damianitza, Haskovo, Magura Winery, Miroglio, Peshtera Group, Pomorie, Rousse, Stork Nest Estates (ex Svishtov), Stambolovo, Suhindol, Targovishte, Todoroff, Vinex Slavyantzi, Vini Sliven e Yambol.

Mappa: © Goruma
Bandiera: di SKopp, Pubblico dominio, Link
Stemma: di Пакко, Pubblico dominio, Link
Fonte 1° paragrafo: WIKIPEDIA Bulgaria

In questa sezione trovi
attualmente 165,636 Vini e 25,036 produttori, di cui 3,179 produttori classificati.
Sistema di valutazione find+buy Campioni per la degustazione Palinsesto editoriale

Eventi nelle tue vicinanze

PREMIUM PARTNER