wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

Regioni

Descrizioni dettagliate di tutte le denominazioni d'Europa con vitigni, tradizioni e disciplinari di produzione.

Zone di produzione in Borgogna 139 growing regions

Mercurey AOC
Montagny AOC
Monthelie AOC
Montrachet AOC
Pernand-Vergelesses AOC
Pouilly-Fuissé AOC
Pouilly-Loché AOC
Pouilly-Vinzelles AOC
Richebourg AOC
La Romanée AOC
Romanée-Conti AOC
Romanée-Saint-Vivant AOC
Ruchottes-Chambertin AOC
Rully AOC
Saint-Bris AOC
Saint-Romain AOC
Saint-Véran AOC
La Tâche AOC
Viré-Clessé AOC
Crémant de Bourgogne AOC
Puligny-Montrachet AOC
Chambolle-Musigny Premier Cru AOC
Chambertin AOC
Nuits-Saint-Georges Premier Cru AOC
Corton Maréchaudes AOC
Mercurey Premier Cru AOC
Pommard Premier Cru AOC
Puligny-Montrachet Premier Cru AOC
Bourgogne Côtes du Couchois AOC
Volnay Premier Cru AOC
Meursault Premier Cru AOC
Aloxe-Corton Premier Cru AOC
Vosne Romanée Premier Cru AOC
Bourgogne Chitry AOC
Bourgogne Côtes d´Auxerre AOC
Bourgogne Coulanges-La-Vineuse AOC
Bourgogne Épineuil AOC
Bourgogne La Chapelle Notre-Dame AOC
Bourgogne Le Chapitre AOC
Bourgogne Montrecul AOC
Bourgogne Tonnerre AOC
Bourgogne Vézelay AOC
Bourgogne Mousseux AOC
Savigny-Les-Beaune Premier Cru AOC
Fixin Premier Cru AOC
Macon-Berzé AOC
Chassagne-Montrachet Premier Cru AOC
Coteaux Bourguignons AOP
Macon-Cruzille AOC
Bourgogne Côte Saint-Jacques AOC
Montagny Premier Cru AOC
Vézelay AOC
Bourgogne Côte d’Or AOC
Macon-Pierreclos AOP
Macon Milly Lamartine AOP
Monthelie Premier Cru AOP
Macon-Vergisson AOP
Gevrey-Chambertin Premier Cru AOP
Givry Rouge AOC
Santenay Premier Cru AOC
Santenay-Beauregard Premier Cru
Macon-Uchizy AOC
Macon-Prissé AOC
Givry Premier Cru AOC
Saint-Aubin Premier Cru AOC
Vougeot Premier Cru AOC
Pernand-Vergelesses Premier Cru AOC
Mâcon-Lugny AOC
Mâcon-Chardonnay AOC

Descrizione di Borgogna

La regione nell'est della Francia copre 32.000 km². La capitale è Dijon, sede dell'Università di Borgogna, ma la capitale del vino è Beaune. Amministrativamente, è divisa in quattro dipartimenti: Côte d'Or, Nièvre, Saône-et-Loire e Yonne. Tuttavia, la regione vinicola della Borgogna non coincide con questo. La Nièvre boscosa con il suo legno di quercia per la produzione di botti di barrique fa infatti parte della regione viticola della Loira. Il dipartimento del Rodano (da non confondere con la regione viticola del Rodano), patria del Beaujolais, si trova nel sud e ha una grande autonomia. Amministrativamente, appartiene alla regione Rhône-Alpes, ma è contato come parte della regione vinicola della Borgogna. Il dipartimento di Yonne, che si trova a nord e comprende la zona di Chablis, è anche conosciuto come Basse-Bourgogne.

 Burgund - Aloxe-Corton - Côte de Beaune

Storia

La Borgogna è una delle regioni viticole più antiche e importanti della Francia. La viticoltura è stata influenzata dai greci anche prima dell'arrivo dei romani. Fornirono vino e oggetti d'arte ai Celti (Galli) che vivevano qui in quel periodo. Il famoso cratere di Vix (una brocca per mescolare il vino) in una tomba di principessa celtica del VI secolo a.C. testimonia il commercio tra i due popoli. La prima testimonianza della viticoltura risale al 312 da una lettera all'imperatore Costantino (288-337). Il vescovo Gregorio di Tours (538-594) scrisse nella sua storia dei Franchi che un vino nobile paragonabile al Falernian cresceva nelle montagne a ovest di Digione.

Secondo una leggenda che naturalmente non può più essere verificata, l'imperatore Carlo Magno (742-814) possedeva un vigneto nel comune di Aloxe-Corton che esiste ancora oggi. La Borgogna consisteva in due regni dall'anno 879 e fu un ducato indipendente per il lungo periodo dal 947 al 1493. La grande importanza della Chiesa cattolica per la viticoltura francese ed europea è indissolubilmente legata ai cistercensi. Questo ordine fu fondato nel monastero di Cîteaux nel 1098 da Robert de Molesme. Nel 1308, Avignone fu fondata come luogo di esilio per i papi. Essi banchettano con il "vino di Beaune" e nel 1364 Papa Urbano V (1310-1370) emise una bolla in cui, sotto minaccia di scomunica, proibiva all'abate di Cîteaux di inviare anche solo una goccia di vino di Beaune a Roma.

Sotto il duca borgognone Filippo il Buono (1396-1467), nel 1443 furono fondati i famosi Ospizi di Beaune, il cui reddito proviene da un vigneto e viene utilizzato da 600 anni per la cura degli anziani e dei malati, con aste annuali dal 1859. Si attribuisce al duca il merito di aver selezionato personalmente una varietà di Pinot Noir e di averla prescritta come vitigno obbligatorio per la zona. Ha anche promulgato delle leggi che erano già una sorta di sistema di denominazione in Borgogna all'epoca. A quel tempo, il vino di Beaune era tra i più famosi al mondo. Nel 1728, l'ecclesiastico Claude Arnoux (1695-1770) pubblicò il libro "La Situation de la Bourgogne", in cui descriveva i vini di Borgogna e come venivano prodotti.

La viticoltura nei tempi moderni

La storia della viticoltura borgognona è stata molto mutevole nei secoli successivi. Negli anni 1930, gli effetti tardivi della prima guerra mondiale (1914-1918), i movimenti di temperanza e diversi anni di cattivi raccolti portarono ad una grande crisi di vendite che costrinse molti proprietari di tenuta a vendere i loro vigneti. Due patrioti borgognoni hanno quindi fondato la confraternita del vino Confrérie des Chevaliers du Tastevin nel 1934 per preservare la tradizione del vino di Borgogna. Organizza eventi annuali come Les Trois Glorieuses e Saint-Vincent Tournante.

Più di 10.000 viticoltori coltivano circa 40.000 ettari di vigne. La maggior parte di loro possiede solo uno o due ettari, ed è per questo che la Borgogna è anche conosciuta come la "terra dei piccoli proprietari". Solo un terzo di loro coltiva esclusivamente la vite. I grandi vigneti qui non sono chiamati "Château" come a Bordeaux, ma soprattutto "Domaine". I suoli molto diversi consistono in granito e ardesia, marna e calcare così come ghiaia e argilla. Il clima prevalentemente continentale è caratterizzato da inverni freddi ed estati relativamente brevi a causa della posizione settentrionale. Nei mesi di maggio e giugno e in ottobre le precipitazioni sono spesso abbondanti.

Classificazione

Il concetto di terroir gioca un ruolo importante nel sistema di classificazione della qualità delle denominazioni organizzato a livello centrale. Piccoli appezzamenti di terreno uno accanto all'altro sono spesso completamente diversi. Per esempio, nella zona della Côte de Nuits, sono stati identificati circa 60 diversi tipi di suolo, distinti per caratteristiche fisiche e chimiche, pendenza, ecc. che hanno portato alla classificazione in classi di qualità. Ogni singolo vigneto (Cru, Climat) nella Côte d'Or e nello Chablis (non nel Beaujolais e nel Mâconnais) è registrato con precisione. Il sistema, che si applica a tutta la regione con più di 100 denominazioni, è considerato complicato, ma rispetto alla classificazione di Bordeaux è uniforme. Si basa in gran parte sul sistema creato da Jules Lavalle (1820-1880) nel 1861. Questo è descritto in dettaglio nella sezione Classificazione della Borgogna.

A partire dagli anni 1990, la Borgogna ha cominciato a ripensare il suo approccio alla viticoltura naturale. Anne-Claude Leflaive, la proprietaria del Domaine Leflaive, ha messo in guardia dalle conseguenze dello sfruttamento della coltivazione e ha predetto che in un futuro prossimo non ci saranno più vigneti borgognoni e non ci saranno più vini se i suoli non saranno curati. Il suo vigneto e anche il famoso Domaine de la Romanée-Conti si convertirono alla viticoltura biodinamica e furono così pionieri non solo in Borgogna, ma in tutta la Francia e in altri paesi per la viticoltura biologica.

Producono circa il 75% di vini bianchi e il 25% di vini rossi e rosati. La grande differenza con Bordeaux e la maggior parte delle altre regioni francesi è che i vini sono per lo più prodotti da singole varietà. A causa delle condizioni climatiche, le varietà a maturazione precoce sono le più adatte. Le quattro varietà dominanti sono Chardonnay e Aligoté per i vini bianchi, e Pinot Noir e Gamay (Beaujolais) per i vini rossi.

Burgund - Trauben von Chardonnay, Aligoté, Pinot Noir, Gamay

Denominazioni

Le aree più grandi (dove sono elencate altre denominazioni):

Karte von Burgund - Appellationen

La Côte d'Or - giustamente chiamata "Golden Slope" - è il cuore e il pezzo forte della Borgogna, con molti comuni vinicoli famosi come denominazioni indipendenti. I migliori vini rossi crescono nella parte settentrionale della Côte de Nuits nei comuni di Chambolle-Musigny, Gevrey-Chambertin e Vosne-Romanée con molti climi/siti altamente classificati (Grands Crus e Premiers Crus). I migliori vini bianchi vengono da Aloxe-Corton, Chablis, Meursault e Montrachet (Chassagne-Montrachet e Puligny-Montrachet). I top growth della Borgogna sono tra i migliori e più costosi vini del mondo.

Aloxe-Corton: da Louis Latour
Mappa: di DalGobboM¿!i? - Opera propria, GFDL, Link
a cura di Norbert F. J. Tischelmayer
Vitigni: Ursula Brühl, Doris Schneider, Julius Kühn-Institut (JKI)

In questa sezione trovi
attualmente 157,948 Vini e 24,572 produttori, di cui 2,634 produttori classificati.
Sistema di valutazione Find+Buy Campioni per la degustazione Palinsesto editoriale

Eventi nelle tue vicinanze