wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

Regioni

Descrizioni dettagliate di tutte le denominazioni d'Europa con vitigni, tradizioni e disciplinari di produzione.

Zone di produzione in Belgio 2 growing regions

Descrizione di Belgio

Nel IX secolo, sotto l'imperatore Carlo Magno (742-814), i vigneti furono coltivati dai monaci in quello che oggi è il Belgio meridionale. Lungo la Mosa (che era anche un'importante via di trasporto) c'erano vigneti intorno alle città di Anversa, Brabante, Hainaut, Liegi e Naumur. Già nell'alto Medioevo, i vini delle Fiandre (oggi le due province belghe delle Fiandre orientali e occidentali, la parte restante è in Francia) erano molto apprezzati e il centro del commercio del vino del Nord Europa. Nel XV secolo, a causa dei cambiamenti climatici associati alla Piccola Era Glaciale e alla concorrenza della Borgogna, la viticoltura fu abbandonata.

Negli anni '70, i vigneti sono stati ristabiliti per la prima volta. Questi si trovano ad Aarschot nella Fiandra Hageland e a Huy vicino a Liegi. C'è persino una zona di vino di qualità (DOP) chiamata Maasvallei Limburg (condivisa con i Paesi Bassi). Quindici vitigni sono ammessi, tra cui le varietà di vino bianco Auxerrois, Chardonnay, Müller-Thurgau, Pinot Gris e Optima, e la varietà di vino rosso Pinot Noir. Nelle serre si coltiva uva da tavola come la Leopold III. Nel 2012, l'area del vigneto ha coperto 30 ettari con un volume di produzione di vino di 3.000 ettolitri. Si producono principalmente vini bianchi secchi. La domanda di vino belga è coperta principalmente dalle importazioni dalla Francia.

In questa sezione trovi
attualmente 149,015 Vini e 23,337 produttori, di cui 2,237 produttori classificati.
Sistema di valutazione Fonti d'acquisto Campioni per la degustazione

Eventi nelle tue vicinanze