wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

Dom Ruinart

Francia Champagne

Azienda vinicola Vini
Crea un nuovo bookmark per i vini di Dom Ruinart. I vini attualmente degustati appariranno quindi sulla tua home page delle recensioni vini.
Produttore di vini di prima categoria, che appartengono anche regolarmente ai migliori del loro genere nel confronto internazionale. I vini mediocri sono rari, non ci sono quasi mai vere debolezze. Anche in anni difficili, qui si producono regolarmente vini di altissima qualità.
La Maison di Champagne, con sede a Reims, si contende con Gosset l'onore di essere la più antica della Champagne. Fu fondata nel 1729 dal commerciante di stoffe Nicolas Irénée Ruinart (1697-1769), che...

Vini degustati 1 Vini Mostra tutti

0.75 l
2010 Extra Brut Blanc de Blanc (Deg.:03/2021)
275.00 €
Descrizione: Fresco, luminoso e lucido, abbastanza fine, un po' di lievito e un naso leggermente etereo di pomace...

La Maison di Champagne, con sede a Reims, si contende con Gosset l'onore di essere la più antica della Champagne. Fu fondata nel 1729 dal commerciante di stoffe Nicolas Irénée Ruinart (1697-1769), che vendeva ai suoi clienti, oltre alle stoffe, anche il vino del suo vigneto. Suo zio era il monaco benedettino Dom Thierry Ruinart (1657-1709), che visitò la famosa Abbazia di Hautvillers, conobbe Dom Pierre Pérignon (1638-1715) e le sue tecniche di vinificazione e morì e fu sepolto qui. Durante i suoi viaggi commerciali in Europa, Dom Ruinart riconobbe il potenziale futuro della produzione di champagne grazie al crescente entusiasmo delle corti aristocratiche. Ispirato dall'importante zio, Nicolas Ruinart si dedicò alle tecniche enologiche dei monaci benedettini. Il figlio Claude Ruinart (1731-1798) lo aiutò in questo compito e il nome dell'azienda fu ampliato in Ruinart Père et Fils. Dopo la morte del padre, Claude trasferì la sede dell'azienda da Epernay a Reims e ampliò il commercio dello champagne.

Ruinart - Rebflächen und Dom Ruinart

Il figlio Irénée Ruinart (1770-1850), che gli succedette, si costruì una clientela importante, tra cui l'imperatore francese Napoleone Bonaparte (1769-1821) e il politico e diplomatico francese Charles Maurice de Talleyrand (1754-1838). La prima moglie di Napoleone, Joséphine Beauharnais (1763-1814), amava lo champagne di questa casa e si rifiutò di pagarlo dopo il divorzio. Le due generazioni successive della famiglia, Edmond e Edgar, ampliarono le relazioni commerciali con gli Stati Uniti e la Russia. All'inizio del XIX secolo, il famoso maestro di cantina Anton Müller (l'inventore del remuage) della casa di champagne Veuve Clicquot-Ponsardin sposò una Ruinart e fondò la casa di champagne Müller-Ruinart, che oggi non esiste più. Robert Schlumberger (1814-1879), originario di Stoccarda, che in seguito produsse il primo vino spumante nell'allora Austria-Ungheria con il metodo dello champagne, imparò quest'arte da Ruinart a metà del XIX secolo. Fino al 1963, la gestione della casa Ruinart è rimasta interamente nelle mani della famiglia fondatrice. In seguito è stata rilevata da Moët et Chandon e successivamente è entrata a far parte del gruppo LVMH.

La casa si impegna per la biodiversità e la sostenibilità, oltre che per una serie di misure di risparmio energetico. I vigneti di proprietà si estendono per 20 ettari. I vigneti sono coltivati con una lavorazione manuale del terreno, con il rinverdimento delle piante da fiore e utili, oltre che con una completa rinuncia ai diserbanti. Dal 2014 è certificato con il marchio di sostenibilità "Viticulture durable en Champagne" avviato dal Comité Champagne. Gli champagne conservati per più di sei-sette anni sono sigillati con tappi di sughero naturale per la fermentazione in bottiglia, perché i test hanno dimostrato che il contatto minimo con l'ossigeno che ne deriva è molto positivo. Questo vale soprattutto per la cuvée di prestigio "Dom Ruinart", che prende il nome dallo zio del fondatore e che è annoverata tra i migliori Blanc de Blancs. Il "Ruinart Brut" è composto da un 40% di Chardonnay, un 49% di Pinot Nero e un 11% di Pinot Meunier, più un 20-25% di vini di riserva delle due annate precedenti. Il Millésime "Rosé" contiene il 45% di Chardonnay e il 55% di Pinot Nero. Ogni anno vengono prodotte circa 1,7 milioni di bottiglie di champagne. Nel 1997, la Maison Ruinart ha dato vita a un concorso professionale per sommelier, che oggi si svolge annualmente in numerosi paesi. I migliori giovani sommelier vengono scelti e premiati con il "Trophée Ruinart".

Dom Ruinart Regioni: Francia Champagne
Uno dei migliori produttori del proprio paese
In questa sezione trovi
attualmente 155,603 Vini e 24,336 produttori, di cui 2,519 produttori classificati.
Sistema di valutazione Find&Buy Campioni per la degustazione Palinsesto editoriale

Eventi nelle tue vicinanze