wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

Chateau Mouton Rothschild

Francia Bordeaux

Azienda vinicola Vini
Nome: Chateau Mouton Rothschild
Zona di produzione: Bordeaux
Ettari vitati: 82 ha
Crea un nuovo bookmark per i vini di Chateau Mouton Rothschild. I vini attualmente degustati appariranno quindi sulla tua home page delle recensioni vini.

Dove posso comprare vini di Chateau Mouton Rothschild?

Cerca & Trova
Anno dopo anno, i vini di queste aziende sono tra i migliori in assoluto nel loro genere e sono quasi fuori concorrenza - e questo indipendentemente dalle annate. Tuttavia, anche i vini di base sono quasi sempre eccellenti. Non ci sono praticamente debolezze e difficilmente si trovano dei vini mediocri.
Il famoso vigneto si trova nel nord del comune di Pauillac nella zona omonima nel Médoc (Haut-Médoc, Bordeaux). Direttamente adiacente è Château Lafite-Rothschild. Mouton è la parola francese per "pec...

Vini degustati 2 Vini Mostra tutti

 
Find the Source of Purchase for this Wine
0.75 l
1994 Pauillac AOC Premier Cru Classé
Valutazione del vino solo disponibile per i membri Premium
Traduci in Italiano Descrizione: Fester, fast noch kompakter, tiefer, dunkler, tabakiger und zedriger Duft nach reifen schwatzen Beer...
0.75 l
1988 Pauillac AOC Premier Cru Classé
Valutazione del vino solo disponibile per i membri Premium
Traduci in Italiano Descrizione: Eher kühler, zart rauchiger und röstiger Duft nach schwarzen Johannisbeeren, Mineralien und etwas Ze...

Il famoso vigneto si trova nel nord del comune di Pauillac nella zona omonima nel Médoc (Haut-Médoc, Bordeaux). Direttamente adiacente è Château Lafite-Rothschild. Mouton è la parola francese per "pecora" (ariete) e una testa d'ariete è anche il logo della casa - uno d'oro è appeso nell'ingresso del castello. Tuttavia, il nome deriva effettivamente da "Mothon", che significa "collina" o "elevazione". L'origine della tenuta è un appezzamento di terreno chiamato "Clos de Mouton" di proprietà del notaio Jacques de Ségur (+1691). Questa famosa famiglia nobile possedeva enormi tenute, tra cui i predecessori delle tre tenute vinicole Château Latour, Château Lafite-Rothschild e Château Mouton-Rothschild. Il nipote Nicolas-Alexandre de Ségur (1697-1755) ha tracciato la linea finale tra le parti di Lafite e la vicina Mouton, che sono fondamentalmente diverse in termini di terroir e quindi anche nello stile del vino

Châtau Mouton-Rothschild

Château Brane-Mouton 1725

Verso il 1725, la parte Mouton fu venduta al barone Joseph de Brane e chiamata "Château Brane-Mouton". Rimase in possesso di questa famiglia fino al 1830, quando fu venduto al banchiere parigino Isaac Thuriet per 1,124 milioni di franchi (alcune fonti, tuttavia, citano il 1825 e il banchiere è dato anche nella grafia Thuret). Quest'ultimo ha poi venduto la tenuta, che all'epoca comprendeva 35 ettari di vigneti, al barone Nathaniel de Rothschild (1812-1870) del ramo inglese di questa grande famiglia l'11 maggio 1853. Il barone si era trasferito da Londra a Parigi tre anni prima con sua moglie Charlotte (una cugina) per lavorare nella banca di suo suocero e zio Barone James de Rothschild (1792-1868). Il barone James ha poi acquistato Château Lafite 15 anni dopo e ha aggiunto il nome Rothschild.

Rothschild - Porträts von Mayer Amschel Rothschild, Jakob Rothschild und Nathaniel Rothschild

Château Mouton-Rothschild - Bordeaux Classificazione 1855 - Deuxième Cru Classé

Il barone Nathaniel diede alla sua nuova proprietà il nome di "Château Mouton-Rothschild". All'epoca, consisteva solo in alcuni fienili e sale, un Château non esisteva ancora. Nella classificazione bordolese del 1855, la tenuta ha ricevuto "solo" il secondo rango "Deuxième Cru Classé". Tuttavia, il titolo "Premier des Seconds" (Primo dei secondi) fu aggiunto come "premio di consolazione", per così dire. A Nathaniel successe suo figlio James (1844-1881), che iniziò a costruire una casa signorile. Fu finito solo dalla sua vedova Thérèse. James Rothschild fu seguito da suo figlio Henri (1872-1947), ma era meno interessato al vino che all'arte. La tenuta divenne piuttosto malandata ai suoi tempi, a cui contribuirono anche la cattiva gestione e le attività disoneste dei dipendenti. Suo figlio Philippe de Rothschild (1902-1988) aveva trascorso un po' di tempo nella tenuta da giovane durante la prima guerra mondiale e si era appassionato alla vita di campagna. Attirò l'attenzione di suo padre sulle lamentele e, con sua grande gioia, fu messo a capo della tenuta.

Il barone Philippe de Rothschild si unisce nel 1922

Philippe de Rothschild ha assunto la responsabilità della tenuta nel 1922 all'età di vent'anni. Ha dovuto prima acquisire faticosamente le conoscenze necessarie e ha iniziato a riorganizzare l'attività. Nel 1925, la vecchia barricaia crollò e il 90% del raccolto andò perso. Nel giro di tre anni, fu costruito un nuovo chai, che è ancora considerato uno dei migliori di Bordeaux. A partire dalla vendemmia 1924 (effettuata nel 1927), il barone introdusse l'autoimbottigliamento completo dei suoi vini. Questo imbottigliamento del produttore era documentato sull'etichetta da "Mise en bouteilles au Château", che garantiva l'origine e l'imbottigliamento dalla cantina specificata. Fino ad allora, la maggior parte dei vini era stata venduta in botti a case commerciali, che poi si occupavano dell'imbottigliamento e dell'etichettatura.

Imbottigliando lui stesso i vini, Philippe voleva garantire l'origine dei vini ed escludere le contraffazioni e i pantaloncini, che non erano rari all'epoca. Naturalmente, è incorso nel dispiacere dei mercanti di vino. Philippe aveva già coordinato questo con gli altri "Premiers Crus", che ora imbottigliano anche i loro vini. Su iniziativa del barone, fu fondata l'"Association des Premier Crus", alla quale il famoso Château d'Yquem aderì finalmente nel 1929. Le annate povere del 1930-1932 diedero vita all'idea del barone di un vino semplice e iniziò la processione trionfale mondiale della marca Mouton Cadet, che ha successo ancora oggi. Durante la seconda guerra mondiale, la tenuta (come Lafite-Rothschild) fu annessa dal governo filo-tedesco di Vichy dal 1942 e gestita da una "guida dei vini" tedesca.

Passaggio a Premier Cru Classé nel 1973

Molto presto, il barone si preoccupò dell'idea di far elevare la sua tenuta a "Premier Cru Classé". Ufficialmente, ha iniziato questa lotta dopo la seconda guerra mondiale. L'occasione decisiva fu la minaccia di espulsione dall'"Associazione dei Cinque" (gli allora quattro Premiers Crus e Mouton) del 1953 iniziata da Elie Robert de Rothschild (1917-2007), proprietario di Château Lafite-Rothschild. Philippe ha creato il famoso motto "Premier ne puis, second ne daigne, Mouton suis" (Primo non devo essere, secondo non posso essere; Mouton sono). Fin dall'inizio, questi sforzi non solo non furono sostenuti dai proprietari di Château Lafite-Rothschild, ma si opposero con veemenza.

Con il suo famoso maestro cantiniere Raoul Blondin, che ha creato un totale di 60 annate di Mouton, e con il suo leggendario amministratore Édouard Marjary, il barone ha lottato per 20 anni per far riconoscere il vino come un First Growth. L'eccellente qualità del vino non è mai stata contestata, ma i funzionari temevano le conseguenze imprevedibili di cambiare la legge immutabile della classificazione di Bordeaux nel 1855 con ulteriori tentativi di altri châteaux. Fu solo nel 1973 che Philippe de Rothschild ebbe finalmente successo e il nuovo motto fu ora: "Premier je suis, second je fus, Mouton ne change" (Primo sono, secondo ero, Mouton non cambia)

Etichette dell'artista

L'annata 1945, considerata il vino del secolo, gode di una reputazione leggendaria. L'etichetta porta il testo patriottico "1945 - Année de la Victoire" (Anno della Vittoria) con il segno "V" per "Victory" creato da Winston Churchill (1874-1965) durante la seconda guerra mondiale. Ci sono ancora piccole scorte di questa annata. Un nuovo record è stato stabilito all'asta di due casse originali di dodici bottiglie ciascuna nel settembre 2006 a Beverly Hills (California) dalla casa d'aste Christie's. Le casse hanno raggiunto un prezzo di 290.000 dollari, per un prezzo di oltre 24.000 dollari a bottiglia. Nel marzo 2007, un Jeroboam di questa annata (6 bottiglie normali) ha pagato 310.700 dollari. In entrambi i casi, l'offerta è stata accettata da un offerente anonimo. Il record assoluto, tuttavia, è stato stabilito nel 1997 da Christie's a Londra con 114.614 dollari per una bottiglia. Vale la pena ricordare che c'era già qualche frode con bottiglie non numerate nell'annata 1945.

Etiketten 1945, 1958, 1964, 1971

L'etichetta è stata creata ogni anno da un artista contemporaneo a partire dall'annata 1945. Il primo fu il pittore Philippe Jullian, seguito da quelli elencati, tra gli altri. Gli artisti ricevono alcune casse dell'annata in questione come compenso. Per inciso, un'etichetta con la testa d'ariete era già stata creata dal cartellonista Jean Carlu (1900-1997) per l'annata 1924. L'etichetta dell'annata 1993 mostra una figura di ninfa infantile del pittore Balthus (1908-2001). Negli Stati Uniti, questo era inteso come pedofilia. Pertanto, il vino è stato consegnato negli Stati Uniti senza la ninfa, ma presumibilmente con un vino di qualità inferiore. Come rara eccezione, l'annata 2003 non presenta un'immagine d'artista, ma una foto del barone Nathaniel de Rotschild e, sullo sfondo, lo storico contratto d'acquisto dell'11 maggio 1853, un omaggio al fondatore in occasione del 150° anniversario della cantina. Come altra eccezione, la regina Elisabetta II fu commemorata nel 1977 (per le altre annate, vedere l'etichetta dell'artista; tutti i diritti d'immagine ©tokyofoodcast @Flickr.com).

Etiketten 1973, 1975, 1993, 2003

Vigneti, vitigni e vini

I vigneti coprono 80 ettari di vigne, 76 dei quali sono piantati con varietà di vino rosso e 4 con varietà di vino bianco. Si tratta di Cabernet Sauvignon (80%), Cabernet Franc (10%), Merlot (8%) e Petit Verdot (2%), oltre a Sémillon (48%), Sauvignon Blanc (38%) e Muscadelle (14%). Il vino rosso è invecchiato fino a 24 mesi in barrique nuove al 100%. Deve il suo carattere inconfondibile al terreno, uno strato di ghiaia con un alto contenuto di ferro e silicati. Nel migliore dei casi, non dovrebbe essere aperto prima di dieci anni, la durata di conservazione è di 40, 50, 60 anni e anche di più. Ha un'intensa nota di ribes nero, con il tannino più mascherato che in altri grandi vini del Médoc. Le annate eccezionali sono 1945, 1949, 1953, 1959, 1961, 1966, 1970, 1975, 1982, 1983, 1985, 1986, 1988, 1989, 1990, 1995, 1996, 1998, 1999 e 2000. L'annata 1970 ha partecipato al leggendario Paris Wine Tasting del 1976 ed è arrivata seconda.

Barriquekeller vom Château Mouton-Rothschild

Tra i Premier, Mouton è considerato il vino con la maggiore differenza di qualità tra le annate buone e quelle meno buone. È uno dei vini più costosi del mondo, il che è particolarmente vero per le vecchie annate. Solo nel 1994 è stato introdotto il secondo vino "Le Petit Mouton de Château Mouton Rothschild". Il primo tentativo era già stato fatto nel 1993, quando si chiamava ancora "Secondo Vin de Mouton-Rothschild". Dal 1991, il vino bianco "Aile d'Argent" è prodotto sotto l'AC Bordeaux. Questo vino matura per un anno in botti di rovere nuove al 50%. L'impero è stato guidato dal 1988 in poi dalla figlia del barone, la baronessa Philippine de Rothschild (1933-2014) come azionista di maggioranza e presidente del consiglio di sorveglianza della società per azioni. Le succede Philippe Sereys de Rothschild (*1963). I fratelli Camille Sereys de Rothschild (*1961) e Julien de Beaumarchais de Rothschild (*1971) sono comproprietari e rappresentati nel Consiglio di sorveglianza. Vedi le altre proprietà così come l'intera storia della famiglia in dettaglio sotto la parola chiave Rothschild.

Immagine Barrique cantina: Da MPW57 - Opera propria, Pubblico dominio, Link

Chateau Mouton Rothschild Regioni: Francia Bordeaux
Uno dei migliori produttori del mondo
In questa sezione trovi
attualmente 148,982 Vini e 23,337 produttori, di cui 2,237 produttori classificati.
Sistema di valutazione Fonti d'acquisto Campioni per la degustazione

Eventi nelle tue vicinanze